Giappone: le esportazioni (+26%) deludono gli analisti

- di: Redazione
 
Le esportazioni del Giappone sono aumentate del 26% ad agosto rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Lo hanno rivelato, oggi, i dati preliminari che, comunque, sono al di sotto delle previsioni degli analisti. Cosa che è stata spiegata con le interruzioni della catena di approvvigionamento hanno colpito i produttori.

Giappone: salgono le esportazioni ma non ai livelli previsti dagli analisti

In agosto le esportazioni dal Giappone sono state pari a 6,6 trilioni di yen (60 miliardi di dollari), mentre nello stesso mese del 2020 (quando l'economia aveva appena iniziato a riprendersi dall'impatto iniziale della pandemia di coronavirus) erano state esportate merci per 5,2 trilioni di yen. Gli analisti avevano invece previsto un aumento di oltre il 30%.

Le cifre hanno mostrato che la terza economia più grande del mondo ha registrato un deficit commerciale di 635 miliardi di yen (5,8 miliardi di dollari), poiché le importazioni sono aumentate di quasi il 45% a 7,24 trilioni di yen (66 miliardi di dollari), trainate in gran parte dalle importazioni di petrolio, gas e carbone.

Tokyo e alcune altre regioni rimangono in uno stato di emergenza a causa di epidemie stimolate in gran parte dalla variante delta del Covid-19. Il forte aumento delle importazioni suggerisce che la domanda dei consumatori è rimasta relativamente forte. Anche se i dati del commercio estero suggeriscono che le esportazioni nette potrebbero staccarsi di circa 0,3 punti percentuali dalla crescita del PIL del terzo trimestre.
Le esportazioni complessive negli Stati Uniti sono aumentate del 23% e le spedizioni in Asia sono aumentate del 26%. Ma le esportazioni verso la Cina sono state più deboli, crescendo di quasi il 13%.

Le esportazioni giapponesi di macchinari e altre attrezzature di fabbrica rimarranno probabilmente forti nei prossimi mesi, man mano che le economie regionali emergeranno dalle recenti ondate di blocchi pandemici, hanno affermato gli economisti.
Ma i produttori di automobili hanno dovuto rallentare la produzione mentre lottano con la carenza di chip per computer e altre parti a causa dell'aumento della domanda di prodotti IT.
I dati hanno mostrato che le esportazioni di automobili sono diminuite dell'1,5% ad agosto, mentre le importazioni di petrolio e altri combustibili sono aumentate del 21%.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie