Login

Capitale italiana della Cultura 2022: scelte le 10 città finaliste

- di: Redazione
 
Il Ministero per i beni culturali e turismo ha vagliato diversi progetti di città che concorrono al titolo di “Capitale italiana per la cultura 2022”. I finalisti selezionati sono 10 e verranno studiati dalla giuria, presieduta dal professore Stefano Baia Curioni, docente responsabile del dipartimento di arte e cultura dell’Università Bocconi di Milano, che ha reso nota la lista ufficiale contenente le città e comuni con le loro relative proposte:
  1. Ancona - Ancona, La cultura tra l’altro
  2. Bari - Bari 2022 Capitale italiana della cultura
  3. Cerveteri (Roma) - Cerveteri 2022. Alle origini del futuro
  4. L’Aquila - AQ 2022, La cultura lascia il segno
  5. Pieve di Soligno ( Treviso ) - Pieve di Soligno e le Terre della Marca Trevigiana
  6. Procida (Napoli) - Procida Capitale italiana della cultura 2022.
  7. Taranto - Taranto e la Grecia Salentina. La cultura cambia il clima.
  8. Trapani - Capitale italiana delle culture euro-mediterranee. Trapani crocevia di popoli e culture, approdi e policromie. Arte e cultura , vento di rigenerazione.
  9. Verbania (Verbano- Cusio- Ossola) - La cultura riflette. Verbania, Lago Maggiore.
  10. Volterra (Pisa) - Volterra, rigenerazione umana.
Le dieci città in gara dovranno presentare i propri progetti in un’audizione pubblica alla Giuria nella sede del MiBact presso il Collegio Romano, seguendo le disposizioni governative anticontagio, a seconda dell’andamento della pandemia il prossimo gennaio 2021 (l’evento si terrà il 14 ed il 15).

Il compito dei giurati sarà quello di selezionare e nominare la città che saprà racchiudere nel proprio progetto l’essenza della cultura italiana, e di poter rappresentarci al meglio al fine di promuovere maggiormente il turismo in uno scenario globale, settore in grave difficoltà in questo 2020 per colpa dell'emergenza sanitaria dovuta al Covid-19.
Sarà poi il ministro Franceschini a dover prendere in carico il suggerimento e procedere con la presentazione al Consiglio dei Ministri, entro il 18 gennaio, che avrà il compito di attribuire il titolo alla città o al comune ritenuto più adatto.
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2020