Australia: piano decennale di investimenti sull'energia

- di: Redazione
 
Il governo australiano ha annunciato un pacchetto di 22,7 miliardi di dollari australiani (equivalenti a 15 miliardi di dollari Usa) per rilanciare la produzione nazionale e le energie rinnovabili, mentre il Paese cerca di ridurre la propria dipendenza da fornitori esteri per le tecnologie chiave.

Australia: piano decennale di investimenti sull'energia

Del pacchetto, denominato ''Future Made in Australia'', inserito nel bilancio annuale del governo, fanno parte sussidi per le industrie emergenti dei minerali critici e dell’energia pulita e sforzi per ridurre la burocrazia per gli investitori nel settore.
La spesa verrà effettuata nel prossimo decennio e arriverà mentre le principali economie investono miliardi per sostenere progetti di energia pulita e competere con la Cina nella produzione di veicoli elettrici e semiconduttori, considerati vitali per la prosperità e la sicurezza nazionale.

Il ministro del Tesoro di Canberra, Jim Chalmers, ha dichiarato che lo stanziamento si inserisce nelle ambizioni del Paese di diventare una "superpotenza di energia rinnovabile".
''Il mondo si impegna a raggiungere l’obiettivo zero emissioni entro il 2050”, ha affermato Chalmers nel suo discorso sul bilancio. ''Ciò richiederà la più grande trasformazione dell’economia globale dai tempi della rivoluzione industriale''.

Il pacchetto introdurrà incentivi fiscali per un valore di 7 miliardi di dollari australiani per la lavorazione e la raffinazione di 31 minerali critici e 6,7 miliardi di dollari australiani per la produzione di idrogeno rinnovabile dall’anno fiscale terminato a giugno 2028 all’anno fiscale 2039-40.

Inoltre, 1,5 miliardi di dollari australiani sosterranno gli investimenti nella produzione interna di pannelli solari e nella catena di fornitura delle batterie.
Sebbene le fabbriche australiane godano della vicinanza alle materie prime essenziali utilizzate nella produzione, per decenni hanno lottato per competere a livello globale a causa degli elevati costi della manodopera e della distanza dai principali mercati internazionali.
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli