Login

Covid-19: Pfizer chiede di potere distribuire subito il suo vaccino

- di: Redazione
 
Pfizer e BionNtech hanno annunciato che chiederanno oggi alla Food and Drug Adminitration l'autorizzazione a distribuire, "entro poche ore" dall'ok alla loro richiesta, il loro vaccino anti-Covid 19. Le due aziende, in settimana, avevano annunciato che il vaccino da loro elaborato è efficace al 95 per cento enlla prevenzione delle infezioni dal Covid-19.
Se la richiesta di autorizzazione dovesse essere accolta dalla Fda e, quindi, dal Segretariato alimentare e farmaceutico degli Stati Uniti, il loro vaccino sarebbe il primo ad essere distribuito in America.

Da giorni si attendeva questo annuncio, dopo la pubblicazione dei risultati della sperimentazione clinica,  cominciata a luglio su 44.000 volontari in più Paesi ed i cui risultati avrebbero dato una efficacia al 95 per cento, senza effetti collaterali.

"La domanda negli Stati Uniti
- ha dichiarato Albert Bourla, presidente e ceo di Pfizer - rappresenta un passo fondamentale nella nostra ricerca di un vaccino COVID-19 per il mondo, e ora abbiamo un quadro più completo dell'efficacia e della sicurezza del nostro vaccino, che ci dà fiducia sul suo potenziale". Il vaccino è stato inoltre continuamente valutato per settimane da Unione Europea, Australia, Giappone, Regno Unito e Canada. La Fda non ha detto quanto tempo ci vorrà per rivedere i dati, ma il governo statunitense si aspetta il via libera nelle prime due settimane di dicembre.

L'Europa potrebbe seguire rapidamente: dalla seconda metà di dicembre per l'Agenzia europea per i medicinali, secondo quanto detto dal presidente della Commissione Ursula von der Leyen.
Il governo di Donald Trump prevede già di vaccinare 20 milioni di persone a dicembre, e successivamente da 25 a 30 milioni di persone al mese
. La velocità di queste procedure non ha precedenti nella storia dei vaccini. I vaccini autorizzati hanno richiesto in media otto anni di sviluppo negli ultimi dieci anni negli Stati Uniti.

Il primo volontario ha ricevuto il vaccino il 23 aprile in Germania, nella prima fase delle prove. La fase 3, l'ultima, è iniziata il 27 luglio e da allora ha reclutato 44.000 partecipanti in diversi continenti. La metà di questi volontari ha ricevuto un placebo e l'altra metà il vaccino sperimentale, senza sapere quale. Vivevano la loro vita normalmente, con gli stessi consigli cautelativi del resto della popolazione.

A poco a poco, con lo scoppio della pandemia negli Stati Uniti in autunno, il numero di casi di COVID-19 è aumentato nel gruppo placebo, ma non nel gruppo vaccinato. Dei 170 casi tra i partecipanti, 162 erano nel gruppo placebo e 8 nel gruppo trattato, secondo le dichiarazioni dei produttori. La statistica è chiara: una persona vaccinata aveva il 95% in meno di probabilità di contrarre COVID-19 rispetto a una persona non vaccinata. Il vaccino sembra efficace nel prevenire forme gravi di malattia, e sarebbe altrettanto efficace nei giovani come negli over 65. Come primo passo, la Fda concederà un'autorizzazione ad un uso in condizioni di emergenza.
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2020