La Finanza Alternativa come mitigatore del rischio di credit crunch per le PMI

- di: Barbara Leone
 
Trovare nuove opportunità nel comparto della finanza alternativa, soprattutto perché considerata più efficiente a rispondere alle esigenze di cassa delle piccole e medie imprese, di fronte al rischio di un credit crunch per le PMI,  è il tema emerso oggi alla presentazione del Report sulla finanza alternativa per le PMI, in cui viene registrato un calo nei volumi di mercato di questo comparto, per la prima volta da quando viene pubblicato il report (sia pure con qualche eccezione). In questo contesto, tuttavia, l’innalzamento dei livelli dei tassi d’interesse ha reso sempre più difficile il confronto con gli strumenti di investimento “tradizionali” (come titoli di Stato) che, negli ultimi anni, hanno guadagnato in competitività e il comparto vive oggi una fase di “assestamento”. È questa la fotografia che emerge dai risultati del Quaderno di Ricerca, presentati ieri mattina da Giancarlo Giudici, professore ordinario del Politecnico di Milano e Direttore Scientifico dell’Osservatorio Crowdinvesting, nel corso dell’edizione 2023 dell’Alt-Finance Day – La giornata della Finanza Alternativa, organizzata da Innexta in collaborazione con School of Management del Politecnico di Milano, Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Unioncamere.

La Finanza Alternativa come mitigatore del rischio di credit crunch per le PMI

L’obiettivo della ricerca è quello di analizzare il mercato della finanza alternativa o complementare al credito bancario per le PMI, fornendo approfondimenti specifici sui singoli comparti di cui il settore si compone e descrivendo il ruolo che questo può avere in un periodo tanto delicato per l’economia come quello attuale. All’interno del report sono riportati diversi casi aziendali di imprese che, grazie al ricorso agli strumenti di finanza alternativa, hanno incrementato il proprio livello competitivo ed hanno ottenuto vantaggi sia “in termini di maggiore inclusione e diversificazione delle fonti”, sia “di accresciute competenze manageriali, visibilità sul mercato e maggiori opportunità di investimento”.

Nel dettaglio il report evidenzia che in tema di minibond nella prima metà del 2023 si è registrato il valore più basso di emissioni degli ultimi 36 mesi (con solo 48 operazioni) per un controvalore totale di raccolta pari a €318,24 milioni. Nonostante ancora oggi rappresenti uno dei segmenti di finanza alternativa principali da cui le PMI possono attingere, è indubbio che l’incremento dei tassi d’interesse abbia determinato un impatto negativo non indifferente, visto che solo lo scorso anno (da record per l’Italia) la raccolta totale aveva superato il miliardo di euro (€584 milioni solo nella seconda metà dell’anno). Un’altra testimonianza del rallentamento, è data dal numero di PMI che hanno emesso minibond per la prima volta, con il dato del primo semestre del 2023 che si ferma a 29. A portare una visione del futuro cautamente positiva resta il sottoinsieme dei “basket bond”, con diversi programmi che stanno ripartendo nel corso del 2024. In tema di crowdfunding, le diverse forme analizzate nella ricerca riportano risultati diversificati. Per il comparto dell’equity crowdfunding, che aveva registrato in Italia una forte crescita tra il 2015 e il 2021, si evidenzia il secondo anno consecutivo di flessione sia in termini di capitali raccolti (si prospetta un 2023 al di sotto dei livelli dello scorso anno, quando erano stati impiegati €142,31 milioni), sia in termini di campagne concluse con esito positivo (87 nella prima metà dell’anno, con 46 progetti ancora in raccolta, contro le 186 del 2022). Diverso è, invece, lo scenario per il lending-based crowdfunding, che rappresenta uno dei pochi settori della finanza alternativa che vedono una crescita anche nella prima metà del 2023. Sono, infatti, € 21,03 milioni i capitali raccolti dalle piattaforme non immobiliari in questo periodo, in leggero aumento rispetto ai €18,33 milioni della seconda metà del 2022. Anche estendendo l’analisi al real estate, si nota una crescita di quasi il 50% tra le risorse messe in campo nei due periodi considerati (€69,30 milioni nel primo semestre di quest’anno, €46,49 milioni nella seconda metà del 2022).

L’invoice trading, che era stato segnalato nell’edizione precedente della ricerca come lo strumento di finanza alternativa più utilizzato dalle PMI italiane, continua ad essere molto rilevante nel nostro Paese, con un numero sempre maggiore di operatori specializzati e volumi non distanti da quelli dei maggiori mercati europei. Nonostante un aumento nel 2023 della richiesta da parte delle imprese di posticipare i termini di pagamento dei contratti, il continuo deterioramento degli indici di liquidità delle imprese fa sì che le prospettive future del comparto siano “particolari”: se è vero che da un lato aumenterà la richiesta, dall’altro i più elevati controlli in termini di analisi del rischio da parte degli operatori potrebbero comportare una selezione più stringente delle imprese che potranno utilizzare questo strumento. Per ciò che concerne il direct lending, così come avvenuto per la maggior parte degli altri strumenti, si è registrata una frenata nel corso della prima metà d’anno, anche se è risultata meno marcata rispetto a quanto avvenuto in altri mercati europei. Ciononostante, si evidenzia una certa fiducia sul fatto che le PMI continueranno ad avvalersi di questo strumento nei prossimi anni. Per crypto-asset e tokenization, l’analisi fornita risulta ancora limitata, vista anche l’incertezza che ruota ancora attorno a questi settori. Risulta comunque indubbio che le operazioni di “tokenizzazione” diventeranno sempre più diffuse nel nostro mercato nel prossimo futuro e, viste le normative introdotte nell’ultimo biennio, seguiranno processi sempre più strutturati.

Il mercato del private equity italiano, che pur presenta volumi decisamente inferiori rispetto ai maggiori mercati europei (Germania e, in particolare, Francia), registra una crescita tendenziale. In particolare, il venture capital, ovvero quella componente del private equity dedicata agli investimenti in micro-imprese in fase seed e startup, ha registrato nella prima metà del 2023 un totale di 232 operazioni per un controvalore di €410 milioni, sostenuto anche dall’attenzione dedicata al comparto dai policymaker. Al contrario, il versante dell’expansion risulta ancora in calo. Si evidenzia, in ultimo, che la raccolta effettuata sul mercato borsistico dalle PMI, in particolare su Euronext Growth Milan, è stata inferiore ai €100 milioni nella prima metà dell’anno (in particolare, €80,94 milioni da 11 matricole e €18,63 da aumenti di capitale).

La ricerca è stata presentata nel corso della mattinata di ieri presso Palazzo Turati in occasione dell’iniziativa che si è aperta con i saluti del Segretario Generale della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, Elena Vasco e di Giovanni Da Pozzo, Presidente di Innexta. A seguito della presentazione dei risultati del report da parte del Professor Giancarlo Giudici, il Direttore Generale di Innexta Danilo Maiocchi, ha moderato una tavola rotonda sulle principali evidenze emerse dalla ricerca, che ha visto la partecipazione di Mattia Ciprian, Amministratore Delegato di modefinance, Alessandro Merlini, Chief Operating Officer di Azimut Direct, Benedetto Pirro, Chief Operating Officer e Co-founder di CrowdFundMe, e Nicola Tufo, Partner IPO & Capital Markets di RSM. Successivamente, il focus della discussione è stato posto sulle prospettive della finanza alternativa nel nostro Paese, con Giulio Centemero, Deputato componente della VI Commissione (Finanze), e Martino da Rio, Direttore IR & Corporate Dev di Banca IFIS, che hanno dato vita ad un dialogo sul futuro del comparto durante il tavolo di lavoro dal titolo “La Finanza Alternativa tra nuove normative e prospettive di mercato”. Parallelamente, si è svolto il Crowdinvesting Day, lo spazio di matching dove 13 tra le principali piattaforme di equity e lending crowdfunding, oltre ad advisor ed esperti di mercato della finanza innovativa hanno incontrato investitori ed imprenditori interessati allo strumento. Alla giornata hanno partecipato, oltre 200 tra imprese, start up e aspiranti imprenditori che hanno potuto approfondire di persona la conoscenza degli strumenti alternativi utilizzabili per finanziare i propri programmi di sviluppo.

Notizie della stesso argomento
Trovati 54 record
Pagina
1
20/06/2024
Turismo congressuale, Osservatorio Italiano dei Congressi e degli Eventi-OICE: nel 2023 cr...
20/06/2024
SIOS24 Summer: nei primi 6 mesi del 2024 cresce il numero dei finanziamenti in startup (+3...
20/06/2024
Federconsumatori e altre Associazioni dei Consumatori firmano protocollo d’intesa con Tele...
20/06/2024
Osservatorio Assofin, CRIF e Prometeia: il credito al consumo accelera (+10,1%)
20/06/2024
Viva e Oracle, accordo per portare in Europa i "Pagamenti Invisibili" alle imprese Hospita...
20/06/2024
Allarme INPS: "Bassa fecondità, pochi lavoratori, fra meno di 10 anni bilancio in rosso"
Trovati 54 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli