Criptovalute: giro di vite a Hong Kong dopo l'arresto di dirigenti della JPEX

- di: Redazione
 
Il leader di Hong Kong, John Lee, ha annunciato oggi un deciso giro di vite nell'ambito del settore dello scambio di monete digitali. Hong Kong, ha detto Lee, rafforzerà la regolamentazione delle risorse digitali dopo che la polizia ha arrestato sei persone in seguito ad accuse di frode in uno scambio di criptovalute senza licenza ad opera della piattaforma JPEX.

Criptovalute: giro di vite a Hong Kong dopo l'arresto di dirigenti della JPEX

Gli arresti, eseguiti ieri, hanno fatto seguito all'annuncio della scorsa settimana da parte dell'autorità di vigilanza dei titoli di Hong Kong secondo cui l'exchange JPEX era priva di una licenza e non aveva quindi l'autorità per gestire la sua piattaforma di trading di criptovaluta nel territorio.

Il regolatore del settore a Hong Kng, la Securities and Futures Commission, ha dichiarato di aver ricevuto più di 1.400 denunce contro JPEX. Secondo le elaborazioni della commissione, le operazioni non regolari comportano perdite per oltre 1 miliardo di dollari di Hong Kong (127,9 milioni di dollari).
Inoltre, la SFC ha anche affermato che alcuni investitori si sono lamentati di non essere in grado di ritirare i propri asset virtuali dai conti JPEX o di aver scoperto che i loro saldi erano "ridotti e alterati".

JPEX ha annunciato ieri la sospensione delle negoziazioni sulla sua piattaforma, sostenendo, in una nota, di stare ''negoziando con… market maker terzi per risolvere la carenza di liquidità''.
Lo stesso scambiatore, domenica, si è lamentato del ''trattamento ingiusto da parte delle istituzioni competenti'' a Hong Kong, accusando un ''market maker di terze parti'', di cui non ha fatto il nome, di avere congelato i fondi ''maliziosamente''.

In Cina , le transazioni di criptovaluta sono vietate dal 2021 e anche le transazioni effettuate su cambi dall'interno del Paese sono considerate illegali. In seguito al divieto, le società cinesi di criptovaluta si sono rivolte a Hong Kong come base.
Le autorità del territorio hanno accettato richieste per gli scambi di criptovalute dal primo giugno, consentendo agli operatori autorizzati di servire gli investitori al dettaglio purché comprendano i rischi connessi. In precedenza, solo gli investitori professionali potevano accedere a tali scambi. Solo due scambiatori hanno ricevuto questa autorizzazione, OSL e Hashkey.
Notizie della stesso argomento
Trovati 3 record
15/07/2024
Cina: immobiliare, crollano i prezzi delle case di nuova costruzione
15/07/2024
Trump è già a Milwaukee per celebrare il suo trionfo, politico e mediatico
09/07/2024
La Francia rimescola le carte, in casa propria e in Europa
Trovati 3 record
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli