Login

BPER Banca lancia le prime carte di pagamento in Braille

L’iniziativa, nata dalla collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi, è partita a inizio anno con l’emissione delle nuove carte di credito, di debito e prepagate.

 

Il braille è il sistema di lettura e scrittura tattile a rilievo per non vedenti e ipovedenti, che consiste in simboli formati da un massimo di sei punti, disposti su una matrice 3 x 2. Tali punti possono essere impressi su fogli di carta spessa o di plastica, oppure essere riprodotti a rilievo su superfici plastiche o metalliche.
Il Gruppo BPER è stato il primo istituto bancario nazionale a emettere le proprie carte di pagamento con impresso questo carattere “speciale”. Il progetto è nato nell’ambito delle attività di innovazione e di responsabilità sociale volte a garantire maggiore accessibilità per chi presenta disabilità visive. Dall’inizio del 2019 il Gruppo BPER ha infatti avviato la progressiva emissione delle nuove carte, nelle diverse tipologie di carte di credito (contraddistinte dalla lettera “C”), carte di debito (contraddistinte dalla lettera “D”), carte prepagate (contraddistinte dalla lettera “P”). 
L’idea di dotare le carte di pagamento del carattere braille è nata da una proposta del rappresentante provinciale di Modena dell’Unione Italiana Ciechi Ivan Galiotto. BPER Banca ha successivamente avviato le necessarie verifiche tecniche per poter inserire il sistema braille su tutte le carte di nuova emissione.
Il progetto è stato realizzato con il contributo degli specialisti della Banca di Sassari, la società del Gruppo BPER a presidio della monetica, e con il supporto di IDEMIA Italy, leader mondiale nella fornitura di prodotti e servizi tecnologicamente avanzati nel mondo dei pagamenti.
Le carte sono state presentate ufficialmente a fine giugno in occasione dell’evento organizzato dalla banca presso il BPER Forum Monzani di Modena, alla presenza del Presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, del Vice Direttore Generale di BPER Banca, Gian Enrico Venturini, del Vice Presidente UICI, Stefano Tortini e del Presidente della Sezione Provinciale di Modena dell’UICI, Ivan Galiotto.
“Per una Banca è fondamentale creare valore e vogliamo restituirlo in varie forme alla comunità - ha affermato il Vice Direttore Generale di BPER Banca, Gian Enrico Venturini -.  BPER da sempre promuove iniziative ad alto ritorno sociale che da anni documenta nel proprio Report, ora Bilancio, di Sostenibilità. In tali iniziative rientrano i progetti in tema di inclusione finanziaria e di accessibilità che abbiamo avviato per applicativi tecnologici, spazi fisici, servizi di pagamento e finanziari, in modo da consentire la piena partecipazione nella società delle persone con difficoltà  visive”.
BPER offre già alla clientela ipovedente e non vedente strumenti specifici per effettuare online operazioni finanziarie, bonifici, ricariche telefoniche, ecc. All’interno del MSITE dell’internet banking (l’applicazione di accesso per dispositivi mobili), è stata predisposta la possibilità che software specifici (screen reader) “leggano” quanto appare sul monitor o sul display e lo descrivano attraverso una sintesi vocale. Per permettere ai clienti di operare in autonomia, si è inoltre intervenuti sia sulla possibilità di visualizzare le pagine in un formato più grande sia sull’implementazione di nuove funzionalità legate agli aspetti di gestione della password.
Inoltre, nelle scorse settimane, nell’ambito delle attività di responsabilità sociale d’impresa, a dimostrazione del crescente impegno della banca per l’inclusione finanziaria, BPER ha avviato le procedure per l’adesione al Protocollo sottoscritto tra ABI, il Consiglio Nazionale del Notariato (CNN) e l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (UICI) in tema di accessibilità con l’obiettivo di individuare soluzioni per semplificare le modalità di accesso e fruibilità della documentazione in particolare per la fase precontrattuale del mutuo ipotecario. L’iniziativa è in linea con quanto previsto dalla proposta di Direttiva della Commissione Europea inerente “l’Atto Europeo sull’accessibilità” che definisce - per alcuni prodotti e servizi fondamentali, tra i quali i servizi bancari, gli ATM, i siti web, le applicazioni per i dispositivi mobili utilizzati per i servizi bancari - requisiti comuni di accessibilità.
L’acquisto di una casa e la conseguente sottoscrizione di un contratto di mutuo con la banca identificano un passaggio fondamentale nella vita di tutti. Rendere tale operazione più semplice, più snella e accessibile, anche a chi non è nelle piene facoltà di leggere in autonomia un documento così complesso come la minuta di un mutuo, rappresenta un atto di impegno sociale e di inclusione finanziaria, oltre a un sostanziale supporto all’autonomia delle persone non vedenti o ipovedenti.

Per maggiori informazioni:

https://istituzionale.bper.it/sostenibilita/bilancio-di-sostenibilita
https://www.bper.it/-/bper-banca-presenta-le-carte-di-pagamento-in-braille

Iscriviti alla Newsletter
 
Il Magazine
  • Italia Informa n° 5 Settembre-Ottobre 2019
  • Italia Informa n° 3 Maggio-Giugno 2019
  • Italia Informa n° 2 Marzo-Aprile 2019
  • Italia Informa n° 1 Gennaio-Febbraio 2019
  • Italia Informa n° 6 Novembre-Dicembre 2018
  • Italia Informa n° 5 Settembre-Ottobre 2018
Testata: ITALIA INFORMA | Società editrice: GEDECOM SRLs | N° Iscrizione Tribunale: 73/2017 del 13-04-2017 | Periodicità: BIMESTRALE | Distribuzione: NAZIONALE
Modalità distribuzione: POSTALE | Costo: ABBONAMENTO ANNUO EURO 48
Powered by Giap Informatica