Apple aggiorna software di iPhone per uno spyware usato contro avversari politici

- di: Brian Green
 
Apple ha aggiornato il suo software per iPhone per affrontare una vulnerabilità critica che, secondo ricercatori indipendenti, è stata sfruttata da un software di sorveglianza per spiare un attivista saudita.I ricercatori del Citizen Lab dell'Università di Toronto, secondo quanto riferisce la Cnn, hanno affermato che il software è in uso da febbraio ed è stato utilizzato per distribuire Pegasus, lo spyware realizzato dalla società israeliana NSO Group che sarebbe stato utilizzato per sorvegliare giornalisti e difensori dei diritti umani in più Paesi.
L'aggiornamento urgente, che Apple ha rilasciato ieri, tappa una falla nel software iMessage che ha permesso agli hacker di infiltrarsi nel telefono di un utente, senza che quest'ultimo avviasse alcun collegamento.

"Attacchi come quelli descritti sono altamente sofisticati, costano milioni di dollari per essere sviluppati, hanno spesso una breve durata e sono usati per colpire individui specifici", ha dichiarato in una nota Ivan Krstić, capo di Apple Security Engineering and Architecture.
Krstić, riferisce ancora la Cnn, ha affermato che Apple ha risolto rapidamente il problema con una correzione del software e che la vulnerabilità "non è una minaccia per la stragrande maggioranza dei nostri utenti".

Tuttavia, gli esperti di sicurezza hanno incoraggiato gli utenti ad aggiornare i propri dispositivi mobili.
In una dichiarazione, il gruppo NSO non ha risposto alle accuse, affermando solo che ''continuerà a fornire servizi ad intelligence e forze dell'ordine di tutto il mondo (....) per combattere il terrorismo e la criminalità".

Apple aggiorna il suo software iPhone per fronteggiare uno spyware

L'azienda aveva precedentemente affermato che il suo software viene venduto solo a clienti controllati, per scopi antiterrorismo e per vegliare sull'applicazione della legge.
I ricercatori, tuttavia, affermano di aver trovato più casi in cui lo spyware è stato utilizzato con dissidenti o giornalisti. Nel 2019, gli analisti di Citizen Lab hanno detto che Pegasus è stato utilizzato sul telefono cellulare della moglie di un giornalista messicano ucciso.

In una causa intentata nel 2019, Facebook ha accusato il gruppo NSO di essere complice di un attacco hacker a 1.400 dispositivi mobili tramite WhatsApp . Accuse che il gruppo ha respinto.
La proliferazione di strumenti di hacking mobile di facile utilizzo ha fornito ad alcuni governi totalitari di utilizzare un mezzo nuovo e furtivo per prendere di mira gli avversari. Secondo quanto riferito, dall'Uzbekistan al Marocco sono stati utilizzati, contro dissidenti, spyware sofisticati realizzati da NSO Group e da altri fornitori .

L'ondata di spyware ha spinto un gruppo di esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite ad agosto a chiedere una moratoria sulla vendita di tali strumenti di sorveglianza. Il gruppo delle Nazioni Unite ha affermato che il divieto dovrebbe rimanere in vigore fino a quando i governi non avranno "messo in atto solide normative che ne garantiscano l'uso in conformità con gli standard internazionali sui diritti umani".
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie