Francia: Amazon condannata per controlli eccessivi sui suoi dipendenti

- di: Redazione
 
Con una durissima motivazione ("Per aver messo in atto un sistema eccessivamente invasivo di monitoraggio dell'attività e del rendimento dei dipendenti"), la Commissione nazionale francese dell'informatica e delle libertà (la Cnil) ha inflitto ad Amazon France Logistique una multa di 32 milioni di euro.
La sentenza, secondo quanto reso noto oggi dalla Cnil, è stata emessa lo scorso 27 dicembre dall'organismo francese di controllo e tutela.

Francia: Amazon condannata per controlli eccessivi sui suoi dipendenti

Tra gli addebiti mossi al ramo francese di Amazon, c'è la raccolta di dati da parte degli scanner utilizzati dagli addetti al magazzino per operare sui pacchi che, per la CNIL, costituisce un ''sistema di monitoraggio eccessivo delle attività e delle prestazioni'', ''che porta potenzialmente il dipendente a dover giustificare ogni pausa o interruzione''.
Gli scanner in questione registrano tempi di inattività superiori a dieci minuti o la velocità con cui vengono processati i pacchi. La CNIL ritiene, inoltre, ''eccessivo conservare per trentuno giorni tutti i dati raccolti dal sistema nonché gli indicatori statistici che ne derivano, per tutti i dipendenti e lavoratori temporanei''.

Immediata la risposta di Amazon che, in un comunicato stampa, si dice ''fortemente in disaccordo con le conclusioni della CNIL che sono di fatto errate e ci riserviamo il diritto di ricorrere'', aggiungendo che ''l'uso di sistemi di gestione del magazzino è una pratica comune nel settore: sono necessari garantire la sicurezza, la qualità e l'efficienza delle operazioni e assicurare il tracciamento delle scorte e l'elaborazione dei pacchi in tempo e in conformità con le aspettative dei clienti''.

Amazon ha ora due mesi di tempo per presentare ricorso al Consiglio di Stato.
L'autorità francese di vigilanza sulla privacy ha sanzionato Amazon France Logistique sulla base del regolamento generale sulla protezione dei dati e ha inflitto una multa equivalente a circa il 3% del fatturato dell'azienda francese. Una sanzione “quasi senza precedenti” , comunque al di sotto della soglia massima prevista, pari al 4% del fatturato.

Tra gli indicatori rilevati dagli scanner e trasmessi ai manager hanno particolarmente attirato l'attenzione dell'organismo di controllo la ''mitragliatrice”, che rileva quando un oggetto viene scansionato “troppo velocemente” , in meno di 1,25 secondi, e il “tempo di inattività” che segnala un periodo di inattività di uno scanner per più di dieci minuti.
Notizie della stesso argomento
Trovati 5 record
18/07/2024
CNEL e INAPP sottoscrivono un accordo interistituzionale
17/07/2024
Leonardo ottiene la certificazione UNI/PdR125:2022 per la parità di genere
17/07/2024
"The Tech Talent Explorer" Hays: 30% di specialisti tech ricercati dalle aziende
16/07/2024
BOOM e Fondazione Fitstic lanciano la prima edizione della B Future Challenge per attirare...
15/07/2024
Banche: Cgil, Cisl e Uil portano la BPM davanti a un giudice
Trovati 5 record
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli