Login

Siti web offrono servizi finanziari abusivi: Consob ordina la chiusura

- di: Redazione
 
Continua la fitta opera di Consob per combattere ogni forma di abusivismo nel campo dei servizi finanziari portata avanti da portali su internet, che poco più di due settimane fa aveva portato alla chiusura di sette siti web. Questo provvedimento reso noto lo scorso 18 novembre aveva oscurato portali che senza autorizzazione fornivano non solamente servizi ma anche prodotti: cinque di essi permettevano di usufruire di forme di intermediazione finanziaria mentre grazie agli altri due era possibile svolgere un'offerta di prodotti finanziari senza prospetto informativo.

Due giorni dopo era arrivata una seconda "tornata" di provvedimenti (con i nastri messi su altri 5 portali) mentre a oggi risale l'ultima in ordine temporale, annunciata direttamente dall'Autorità e che ha portato alla chiusura di cinque nuovi siti internet che continuavano a offrire servizi finanziari in maniera abusiva.

L'annuncio dell'Autorità spiega come si siano usati i poteri assegnati dal "Decreto Crescita" che ha permesso a Consob di ordinare a chi fornisce i servizi di connessione a internet il blocco all'accesso dal nostro paese per i siti internet ritenuti colpevoli di aver agito nel campo finanziario senza i dovuti permessi.

Come riportato da Teleborsa, i siti in questione in cui non è più possibile accedere dopo il provvedimento sono quelli legati a B.O. Tradefinancials Ltd (in particolare l'indirizzo www.accessfxtrade.com), quelli legati a Capital Letter GMBH e Capital Letter Ltd (indirizzo www.brightfinance.co) e quelli riconducibili a NewTraders Holdings Ltd (cioè www.cmcxxmarket.com, www.newtradersholdings.com e www.toltechfx.com).

Quella rivelata oggi è solamente l'ultima operazione svolta in questo campo dalla Consob che a partire dal luglio dello scorso anno (data in cui le è stata concessa la facoltà di intervenire in questa maniera) è arrivata a oscurare ben 340 siti che agivano nel campo finanziario senza autorizzazione. Con la speranza di rallentare e, col tempo, totalmente cancellare un fenomeno ormai dilagante sul web.
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie
Il Magazine
Italia Informa - N°6 novembre-dicembre 2020