Cina, diminuiscono le vendite di Huawei: calo del 16.5%

- di: Brian Green
 
Le entrate di Huawei sono diminuite dopo la vendita del suo marchio di smartphone a basso prezzo Honor, anche se la redditività è migliorata.
Secondo quanto reso noto dal gigante cinese della tecnologia, le vendite sono diminuite del 16,5% rispetto all'anno precedente a 152,2 miliardi di yuan (quindi circa 23,5 miliardi di dollari) . Pur non fornendo dati in merito ai guadagni, il gruppo ha affermato che il suo margine di profitto è migliorato di 3,8 punti percentuali all'11,1%.

Huawei Technologies Ltd., il primo marchio tecnologico mondiale della Cina, sta lottando per mantenere la sua quota di mercato globale dopo le sanzioni statunitensi che hanno devastato le sue vendite di smartphone, una volta tra le più alte al mondo. L'azienda è anche il più grande produttore di dispositivi di rete utilizzati dai gestori di telefonia e Internet. Washington da tempo afferma che la compagnia è un rischio per la sicurezza e potrebbe facilitare lo spionaggio cinese. Una accusa che Huawei ha sempre respinto.
Le sanzioni americane impediscono l'accesso ai chip e ai servizi dei processori statunitensi. Huawei progetta i propri chip, ma ai produttori è vietato utilizzare la tecnologia statunitense necessaria per produrli.

Il marchio Honor è stato venduto a novembre nella speranza di rilanciare le vendite separandolo dalle sanzioni alla casa madre.
"Il 2021 sarà un altro anno impegnativo per noi, ma è anche l'anno in cui la nostra futura strategia di sviluppo inizierà a prendere forma", ha affermato in una nota Eric Xu, uno dei tre dirigenti che si alternano alla presidenza del gruppo.
Secondo quanto detto in precedenza da Huawei, le vendite di telefoni, dispositivi di rete e altre tecnologie sono aumentate nel 2020 - rispetto all'anno precedente - del 3,8% a 891,4 miliardi di yuan (135,8 miliardi di dollari), anche se la crescita è scesa dal 19,1% del 2019.
Il Magazine
Italia Informa - N°2 Marzo-Aprile 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie