Intesa Sanpaolo e Caritas: in 5 anni distribuiti 265mila beni ai più poveri

- di: Barbara Bizzarri
 
Intesa Sanpaolo, il maggior gruppo bancario in Italia e leader a livello europeo nel Wealth Management, Protection & Advisory, ha presentato oggi i risultati dei primi cinque anni di attività di “Golden Links: i legami sono oro”, l’iniziativa della Banca realizzata in collaborazione con Caritas Italiana che promuove la distribuzione di beni di prima necessità a famiglie e persone in condizione di povertà: capi di abbigliamento, intimo, calzature, ma anche libri, vocabolari, prodotti per la sanificazione e, da quest’anno, anche giocattoli per i più piccini. I beni sono stati donati da grandi aziende italiane clienti di Intesa Sanpaolo, come Calzedonia e Camomilla Italia, tra le prime partecipanti al progetto, e dal 2021 Geox, Gruppo BasicNet, Mondadori Education, OVS e Solvay Chimica Italia. Inoltre, all’iniziativa ha aderito anche Intesa Sanpaolo Smart Care. 

CINQUE ANNI DI “GOLDEN LINKS” IL PROGETTO DI SOLIDARIETA’ CON CARITAS

Secondo l’ultimo Rapporto Caritas, quasi un italiano su dieci versa in condizioni di povertà assoluta: si tratta di circa 5,6 milioni di persone, e il progetto “Golden Links” rappresenta un modello di innovazione inclusiva e circolare promosso dalla Banca attraverso il coinvolgimento di aziende e organizzazioni no profit. All’evento sono intervenuti Paolo Bonassi, Responsabile Direzione Strategic Support Intesa Sanpaolo, Elisa Zambito Marsala, Responsabile Valorizzazione del Sociale e Relazioni con le Università Intesa Sanpaolo, Don Marco Pagniello, Direttore Caritas Italiana, Michele Sorrentino, Responsabile Network Italia della Divisione IMI Corporate & Investment Banking Intesa Sanpaolo, Federico Fraboni, Head of Sustainability Calzedonia Group, Maurizio Cutrino, Direttore Generale di Assogiocattoli, Gabriele Sepio, Tributarista e coordinatore del tavolo tecnico-fiscale per la Riforma del Terzo settore, Massimiano Tellini, Responsabile Circular Economy di Intesa Sanpaolo Innovation Center, Tiziana Ciampolini, CEO S-Nodi Learning Community, Docente Design for Social Impact Politecnico di Torino. L’incontro è stato condotto e moderato da Marco Girardo, Caporedattore Economia Avvenire, Responsabile supplemento l’Economia Civile.

Elisa Zambito Marsala, Responsabile Valorizzazione del Sociale e Relazioni con le Università Intesa Sanpaolo, ha dichiarato: “In questo contesto, Golden Links rappresenta uno dei progetti di punta, sviluppato attraverso azioni di sistema interne, con la Divisione IMI Corporate & Investment Banking, e azioni di sistema esterne in collaborazione con importanti imprese nostre clienti e Caritas Italiana: un’iniziativa con approccio circolare che nasce con l’obiettivo di distribuire a chi ne ha più bisogno indumenti e altri beni recuperati dalle eccedenze della produzione industriale. I risultati raggiunti in questi anni dimostrano il successo del progetto e l’impegno profuso da tutta la rete a sostegno dell’iniziativa, anche grazie al coinvolgimento di partner strategici con cui continueremo ad affrontare le sfide contro le disuguaglianze e la povertà, potenziandone la scalabilità con la partecipazione di altre imprese. Golden Links contribuisce fortemente al Programma di contrasto alla povertà, che Intesa Sanpaolo ha confermato con il Piano d'Impresa 2022-2025, portando ad un obiettivo, raddoppiato rispetto allo scorso Piano, di 50 milioni di interventi tra distribuzione di pasti, posti letto, farmaci, indumenti per le persone in situazione di fragilità”.

Dal suo avvio, nel 2018, il progetto ha distribuito oltre 265 mila beni attraverso hub territoriali per la raccolta, la lavorazione e la distribuzione locale, riducendo così lo spostamento dei beni e l’impatto ambientale. Grazie alla collaborazione con le Caritas diocesane, i beni donati dalle aziende sono stati raccolti, selezionati e confezionati da persone in difficoltà, in particolare donne e detenuti, per poi essere distribuiti in tutta Italia tramite 92 Empori solidali Caritas e 25 istituti penitenziari.

Don Marco Pagniello, Direttore di Caritas Italiana, ha sottolineato: “Un progetto che va nella prospettiva di unire le forze in una logica di partenariati trasversali che perseguano il benessere collettivo, giustizia sociale, sviluppo sostenibile offrendo vere opportunità per tutti per contribuire alla ricostruzione di comunità territoriali consapevoli, solidali e capaci di speranza. Nella consapevolezza che, come ci dice Papa Francesco, forse la risposta non è in quanto noi possiamo fare, ma in come riusciamo ad aprire cammini nuovi perché gli stessi poveri possano diventare i protagonisti del cambiamento”.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli