Superbonus, Federcontribuenti: "Se lo Stato ferma il Paese, noi facciamo ripartire le cessioni"

- di: Romolo Martelloni
 
''Se lo Stato ferma il paese, noi facciamo ripartire le cessioni perche' piu' di una volta abbiamo fatto appello perche' la nostra associazione non ci sta a questo gioco al massacro dove le vittime sono imprese e famiglie colpevoli solo di aver creduto nello Stato. Lanciamo un appello perché il Governo riveda sostanzialmente il provvedimento approvato il 26 marzo che ha di nuovo fatto sprofondare nel caos il settore dell’edilizia''. Cosi' Marco Paccagnella, Presidente di Federcontribuenti in un incontro ieri a Roma con alcune associazioni di piccoli e medi imprenditori del settore edile e del comparto termico con amministratori di condominio, riuniti per lanciare una nuova iniziativa di Federcontribuenti volta ad aiutare queste imprese in gravi difficoltà.

Superbonus, Federcontribuenti: "Se lo Stato ferma il Paese, noi facciamo ripartire le cessioni"

“Si tratta di un settore strategico per la crescita del nostro PIL che contribuisce infatti per oltre il 5% e dopo il covid ha raggiunto una crescita a due cifre per anno, e per la transizione energetica così fondamentale per la sopravvivenza del nostro pianeta – prosegue Paccagnella – per questa ragione abbiamo deciso di lanciare anche un appello ai cessionari per aiutare le imprese a smobilizzare i crediti incagliati e abbiamo messo a disposizione una piattaforma assolutamente performante”.

La macchina operativa di Federcontribuenti si è ulteriormente potenziata in particolare per sostenere le PMI. "Abbiamo nuovi cessionari e nuove strumenti per smobilizzare i crediti - ha
precisato Flavio Zanarella, Responsabile Sviluppo PMI di Federcontribuenti (nella foto) - siamo ora in grado di proporre cessioni verticali (acquisto di tutte le annualità) e cessioni orizzontali di singole
annualità alle migliori condizioni di mercato''.


“Il Paese non può fermarsi - prosegue Zanarella - ed è nostro preciso compito fare ogni sforzo per contribuire a trasformarlo e sbloccare quelle situazioni
di difficoltà che le imprese quotidianamente soffrono”.


“Nei mesi scorsi abbiamo portato le nostre istanze anche a Bruxelles”
conclude il presidente Paccagnella “per sensibilizzare i rappresentanti dell’Unione; l’Europa c’è e deve aiutarci a conciliare la direttiva Green, l’ambiente, l’economia e le scelte dei governi nazionali. Ci stiamo, infatti, industriando in tutte le direzioni per sopperire alla mancanza di azione del governo che sta dimostrando totale disinteresse a questa grave problematica. Sollecitiamo anche le banche, che in questo momento registrano extra profitti, ad agevolare la cessione dei crediti''.
Notizie della stesso argomento
Trovati 81 record
Pagina
1
19/07/2024
Rapporto 2024 “Italian Maritime Economy”: SRM presenta i nuovi scenari competitivi
19/07/2024
Leonardo: rinnovata la Certificazione del Sistema Anticorruzione
19/07/2024
IEG: al via cantiere per due strutture temporanee alla Fiera di Rimini
19/07/2024
Hera celebra i dieci anni di AcegasApsAmga: una storia di futuro per il Nordest
19/07/2024
Case in vendita in calo in Italia: Roma -10%, Milano in controtendenza con +3%
19/07/2024
Rapporto SIAE, Pasca (SILB-FIPE): “Settore sale da ballo in ripresa, ma serve trovare nuov...
Trovati 81 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli