Enel X e Aeroporti di Roma lanciano il progetto Pioneer

- di: Daniele Minuti
 
Enel X e Aeroporti di Roma hanno annunciato che grazie alla loro collaborazione, le batterie second-life provenienti da veicoli elettrici saranno d'ora in poi integrate con un parco solare da 30 MW dell’Aeroporto di Fiumicino che è attualmente in corso di realizzazione e che dovrebbe essere terminato entro il 2024. Il progetto, che punta a ridurre le emissioni dello scalo è denominato Pioneer (che sta per airPort sustaInability secONd lifE battEry stoRage) e si è aggiudicato un finanziamento di oltre 3 milioni di euro dell'Innovation Fund, il fondo dell'innovazione per il clima dell'Ue.

Enel X e Aeroporti di Roma insieme per il progetto Pioneer

Nel suo ambito si prevede "la realizzazione di un innovativo sistema d’accumulo da 10 MWh basato su batterie di veicoli elettrici giunte al loro secondo ciclo di vita, che saranno utilizzate per assorbire l’eccesso di energia prodotto dall’impianto solare e coprire gli eventuali picchi serali di domanda energetica dell’aeroporto".

Questo consentirà di avvicinarsi all'obiettivo delle zero emissioni di ADR che vuole essere raggiunto entro il 2030. Così la mobilità elettrica diventerà doppiamente sostenibile, in quanto le batterie permetteranno un ridotto impatto ambientale e inquinamento mentre il loro  uso in seconda vita permette di realizzare sistemi di accumulo stazionari con cui dare servizi di bilanciamento alla rete elettrica. Inoltre Pioneer apporterà benefici all’intera filiera della mobilità elettrica, contribuendo alla crescita della "vita" delle batterie che aiuterà a ridurre il carbon footprint a parità di capacità di accumulo.

Il connubio fra Enel X e Aeroporti di Roma è quindi perfetto in quest'ottica
, con la prima che da tempo punta a migliorare la sostenibilità della filiera delle batterie e punta con forza sulla mobilità elettrica mentre ADR è da anni concentrata su digitalizzazione, sicurezza e sostenibilità ambientale oltre che all'obiettivo delle zero emissioni al 2030.

Francesco Venturini, Amministratore delegato di Enel X (nella foto), ha commentato: "Per la prima volta un grande sito industriale come l’Aeroporto di Fiumicino, maggiore scalo italiano, potrà avvalersi di un sistema di accumulo energetico che impiegherà batterie second life provenienti dalle auto elettriche. Faremo leva su un innovativo design modulare per ottimizzare i costi d’integrazione e rendere flessibile l’utilizzo di batterie di derivazione automobilistica. Questo progetto pioneristico si aggiunge ad altre importanti attività d’innovazione che stiamo portando avanti nell’ambito dei bandi IPCEI della Commissione europea, per rendere sempre più sostenibile la filiera delle batterie e dei veicoli elettrici e ancora una volta conferma il nostro impegno a coniugare innovazione e sostenibilità".

Marco Troncone, Amministratore delegato di Aeroporti di Roma, ha aggiunto: "ADR è sempre in prima linea per la Sostenibilità e per l’Innovazione, e questo progetto abbraccia entrambe le realtà. Questo progetto fortemente innovativo e tra i più grandi al mondo si integra in pieno nel nostro modo di fare azienda, contribuendo ad una continua e costante ripresa del settore aereo in direzione dell’ecosostenibilità. Inoltre, questa è una dimostrazione concreta della credibilità e della capacità propositiva e realizzativa che è necessario esprimere al fine di cogliere appieno tutte le opportunità di sostegno europeo e nazionale a supporto della transizione di un settore strategico per il Paese".

Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie