Da ANIMP la via italiana per energia, innovazione e sviluppo sostenibile

 
I nuovi equilibri emersi dalle urne del Vecchio Continente e in via di composizione in queste settimane al centro della prima giornata della due-giorni ANIMP a Salerno su indipendenza energetica tra nuovi scenari geopolitici e strumenti per le imprese. Saranno infatti i nuovi organi comunitari, Parlamento, Commissione e Consiglio Europeo, a orientare le scelte strategiche dei prossimi anni per contemperare l’impulso necessario all’innovazione con il mantenimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 e dell'impegno dell'Ue a conseguire la neutralità climatica entro il 2050 riducendo le emissioni nette di gas a effetto serra di almeno il 55 % entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990.

“Il mondo – sottolinea Marco Villa, Presidente ANIMP - ci chiede meno emissioni. Ma non può fare a meno di energia, anzi. La sfida che il mondo dell’impiantistica industriale, con la politica, le aziende, la ricerca e la finanza deve affrontare in un mondo sempre più ipercomplesso è: più energia e meno emissioni.”

Così, mentre a livello governativo si torna a parlare di Piano Mattei, nucleare e delle soluzioni per assicurare indipendenza energetica nella traiettoria dello sviluppo sostenibile, la Campania diventa per due giorni capitale dell’impiantistica industriale grazie alla scelta di ANIMP di accogliere per due giorni a Salerno – il 20 e il 21 giugno 2024 (Grand Hotel Salerno) col supporto delle più alte istituzioni italiane il gotha delle imprese, dell’innovazione e dell’università per confrontarsi e offrire soluzioni concrete per mantenere competitiva la filiera industriale italiana nel complesso scenario internazionale.

L’impiantistica industriale italiana infatti genera l’11% del PIL prevalentemente nella bilancia dell’export, contribuendo a sostanziare il made in Italy anche in un settore strategico di player internazionali con la realizzazione di impianti praticamente in tutti i continenti.

Tra i temi al centro dei ragionamenti e dei contributi da esperti di fama internazionale e da rappresentanti delle istituzioni e delle massime realtà aziendali italiane, l’evoluzione del contesto geopolitico degli ultimi anni, l’aumento dei costi dell’energia, gli obiettivi relativi alla transizione energetica, la competitività concreta basata sul rispetto di diritti e leggi di mercato condivise, la ricerca di professionisti e di tecnici, la costruzione di una nuova consapevolezza dell’integrazione tra fonti tradizionali e rinnovabili per centrare gli obiettivi dello sviluppo sostenibile.

I lavori proseguono il 21 giugno 2024 con una lectio del Direttore Generale dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale ISPRA, Maria Siclari, dedicata alle opportunità e investimenti per le aziende del settore, considerando i passi da compiere verso gli obiettivi industriali per uno sviluppo sostenibile e quali campi di ricerca e opportunità di finanziamento si aprono per le aziende della filiera.
Notizie della stesso argomento
Trovati 135 record
Pagina
1
15/07/2024
Energy Earth Award: il 20 luglio a Maratea la seconda edizione
15/07/2024
Eni: nasce Eniquantic per lo sviluppo tecnologico del quantum computing
15/07/2024
RSM e ANDAF: un convegno sulla CSRD per il reporting sostenibile delle aziende
15/07/2024
Approvato Regolamento che definisce l’icona per accedere ai canali della TV digitale terre...
15/07/2024
Cnpr forum: “Piano Mattei, opportunità per tutti?”
15/07/2024
Moneyfarm - L'inflazione Usa e l'ipotesi di un taglio dei tassi in settembre
Trovati 135 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli