Mercati: le borse asiatiche reagiscono al calo di Wall Street

- di: Redazione
 
Il mercato azionario asiatico ha reagito positivamente al calo di ieri di Wall Street, con le borse di Shanghai, Tokyo, Hong Kong e Sydney in terreno positivo. Ieri l'indice S&P 500 di riferimento di Wall Street ha perso lo 0,6% a causa dell'aumento dei tassi di interesse, dei timori per la guerra in Ucraina e per il rallentamento dell'economia cinese. Il benchmark è in calo del 18,7% dal suo massimo di gennaio e vicino al calo del 20% che definisce un mercato ribassista.

I mercati asiatici reagiscono alla discesa di Wall Street

L'indice Shanghai Composite è salito dell'1,2% a 3.134,24 dopo che la banca centrale cinese ha ridotto il tasso su un prestito quinquennale, una misura che, secondo gli analisti, dovrebbe sostenere le deboli vendite di alloggi tagliando i costi dei mutui. Il tasso di prestito a un anno è rimasto invariato.
Il Nikkei 225 a Tokyo è balzato dell'1,3% a 26.742,67 dopo che l'inflazione al consumo giapponese è salita al 2,5% ad aprile dall'1,3% del mese precedente. Era la prima volta dal 2008 che l'inflazione superava l'obiettivo del 2% fissato dalla banca centrale.

L'inflazione core, che esclude i prodotti alimentari freschi e l'energia, è salita al massimo degli ultimi sette anni del 2,1% dallo 0,8% di marzo. Nonostante ciò, gli economisti affermano che è improbabile che la banca centrale giapponese modifichi i tassi di interesse a causa della debolezza dell'economia, che si è contratta nell'ultimo trimestre.
L'Hang Seng di Hong Kong ha guadagnato il 2% a 20.532,39 e il Kospi di Seul l'1,8% a 2.638,28. L'S&P-ASX 200 di Sydney ha aggiunto l'1,1% a 7.139,60. L'indiano Sensex ha aperto in rialzo del 2,1% a 53.920,39. Anche i mercati della Nuova Zelanda e del sud-est asiatico sono aumentati.

A Wall Street, l'S&P 500 è sceso a 3.900,79. Il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,8% a 31.253,13. Il Nasdaq è scivolato dello 0,3% a 11.388,50. Nell contrattazioni di ieri, le azioni tecnologiche statunitensi sono scese, rappresentando una grande quota del calo dell'S&P 500. Cisco Systems è crollato del 13,7% dopo che il venditore di router e switch ha tagliato le sue previsioni di profitto a causa dei vincoli della catena di approvvigionamento.

Nei mercati energetici, il greggio statunitense di riferimento ha perso 1,05 dollari a 108,84 al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Il contratto è aumentato di 2,62 dollari a 112,21. Il Brent, nelle contrattazioni di Londra, è sceso di 84 centesimi a 111,20 dollari al barile a Londra.
  • Nessun record presente in archivio
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli