Ri-Generazione nel Settore Moda: Giulio Felloni commenta il Primo Trimestre del 2024

- di: Barbara Bizzarri
 

Il primo trimestre 2024 si è chiuso con un calo medio del 4,2%, secondo il monitoraggio di Federazione Moda Italia-Confcommercio sull’andamento delle vendite di prodotti di moda che hanno segnato in quest’inizio d’anno cali costanti rispetto al primo trimestre del 2023: -5% a gennaio; -4,5% a febbraio e -3,1% a marzo. Notizie migliori arrivano dal turismo in crescita che sostiene l’economia delle mete più attrattive del Bel Paese.

Ri-Generazione nel Settore Moda: Giulio Felloni commenta il Primo Trimestre del 2024

Il Presidente di Federazione Moda Italia-Confcommercio, Giulio Felloni, commenta: “Dal punto di vista delle vendite di prodotti di moda, l’avvio dell’anno e della stagione primavera/estate è stato più complicato del previsto: il dettaglio moda auspica da tempo una ripresa che stenta ad arrivare. Preoccupano e molto l’accelerazione dei tempi della moda, la concorrenza diretta operata da molti brand, gli aumenti delle produzioni e i costi fissi che non accennano a diminuire, nonostante la frenata dell’inflazione. Il retail della moda, pur rimanendo un fondamentale pilastro dell’economia nazionale, con 170.828 punti vendita che occupano 299.890 addetti e partecipando in maniera importante alla produzione del Prodotto Interno Lordo, ha registrato negli ultimi 4 anni un saldo negativo di 16.863 negozi di moda e di 13.164 addetti (erano 187.791 con 313.054 addetti al 31/12/2019). Per dare l’idea di quanto sta accadendo nelle nostre città e per chi ancora non se ne fosse accorto, è come veder scomparire nelle nostre vie, strade e piazze, 11 negozi di moda al giorno per tutti i giorni dell’anno negli ultimi quattro anni. Negozi che abbassano quelle saracinesche che aprivano ogni giorno dando luce, decoro, sorrisi, socialità e servizi alla collettività e che non riapriranno più, esponendo le nostre città al rischio di desertificazione commerciale e depauperando i nostri centri. Fa male anche l’assenza di “rumore” per la chiusura di tanti punti vendita e la perdita di molta occupazione, oltre ai titolari dell’attività. Per questo abbiamo chiesto al Tavolo della Moda un intervento urgente diretto al rilancio dei consumi, a partire dalla previsione di un’IVA agevolata per i prodotti di moda sostenibili e made in Italy o comunque un intervento per la detrazione delle spese per l’acquisto dalle dichiarazioni dei redditi degli italiani. Vanno poi accompagnate le imprese nel processo di ri-generazione anche urbana. Oltre ai sostegni per l’innovazione dei negozi ci aspettiamo l’applicazione della cedolare secca sulle locazioni commerciali attraverso un canone concordato tra locatori e conduttori per ridurre il peso degli affitti; l’inserimento delle attività commerciali storiche nell’Albo delle imprese culturali e creative d’interesse nazionale previsto dalla legge sul Made in Italy in quanto espressione dell’identità culturale collettiva. Nei rapporti con i fornitori - conclude Felloni - occorre trovare un punto d’incontro, un patto di filiera su sostenibilità, concorrenza, tempistiche per pagamenti, consegne dei prodotti e disponibilità della merce”.

Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli