Il 2024 non frena le Grandi Dimissioni: Nord-ovest d’Italia il più infelice e insoddisfatto

- di: Barbara Bizzarri
 
Al 45% degli intervistati piacerebbe avere la possibilità di cambiare azienda o mestiere nei prossimi 12 mesi, ma solo il 3% per lavorare in un ambiente o azienda con un marchio noto, mentre la Generazione Z e operai sono i più infelici del proprio lavoro. A proposito di infelicità, il Nord-ovest è il luogo in cui si concentra tutto il malumore d’Italia, almeno da un punto di vista lavorativo: è quanto emerge dall’analisi sullo stato di salute della felicità e del benessere dei lavoratori dell'Associazione Ricerca Felicità, che per il quarto anno consecutivo misura lo stato di salute della felicità e del benessere dei lavoratori, sia nella dimensione aziendale sia in quella individuale e sociale: “Il lavoro ha un ruolo attivo nell'alimentazione della felicità. Non è un'impressione, non è trascurabile, è un fatto. Dalla nostra ricerca emerge chiaramente anche uno scollamento nel percepito dei lavoratori: se è vero per il 76% che il loro lavoro migliora l’azienda, non si registra invece reciprocità in termini di soddisfazione dei bisogni, che per il 35% non sono soddisfatti dal proprio lavoro. Man mano che viene data centralità al lavoratore, lo scollamento si fa ancor più esplicito: per il 41% il lavoro non dà un senso alla vita, per il 47% non aiuta a capire sé stessi - afferma Sandro Formica, VicePresidente e Direttore scientifico dell’Associazione Ricerca Felicità (nella foto) -. Questo risulta tanto più evidente per determinati segmenti del campione: per quanto riguarda la felicità per la propria vita, quella per il proprio lavoro, la soddisfazione per il lavoro e l’uso sano e bilanciato della tecnologia il Nord-ovest risulta in tutti i casi più indietro di alcuni punti rispetto alla media nazionale, con un risultante 49% che vorrebbe cambiare lavoro a fronte della media nazionale del 45%. A livello generazionale è la Generazione Z quella più incline a cambiare lavoro, con un 60%, così come i colletti blu, con il 54%”.

Il 2024 non frena le Grandi Dimissioni: Nord-ovest d’Italia il più infelice e insoddisfatto

Alla domanda “ti piacerebbe avere la possibilità di cambiare posto di lavoro o lavoro nei prossimi 12 mesi?” solo poco più della metà (55%) ha risposto di no. Il 24% vorrebbe invece cambiare azienda o posto di lavoro e il 21% vorrebbe cambiare proprio lavoro o mestiere, per un totale del 45% di intervistati: le grandi dimissioni quindi sono una realtà tangibile e non evitabile dopo la crisi pandemica.

Alla domanda invece “se tu oggi dovessi scegliere un nuovo posto di lavoro, quali aspetti considereresti più importanti?”, le risposte vedono al primo posto per i lavoratori e le lavoratrici l’empowerment, che con un 30% contempla le opportunità per la crescita, il contenuto del lavoro, l’autonomia, le aspirazioni e l’attenzione alla salute mentale, sebbene su tutti gli aspetti sia in testa lo stipendio, che confluisce insieme al welfare nella compensation portandone l’incidenza al 24%. Tempo e work-life balance incidono per il 23%, mentre la comunità di lavoro, che contempla le persone, i valori e l’essere apprezzati, per il 20%. Solo il 3% ritiene importante il brand tra i fattori d’attrazione e retention.  

“Ciò che stupisce è che il peso di un brand nella scelta del lavoro vale solo il 3%: lavorare in un ambiente o azienda con un marchio noto risulta essere l’ultima scelta per i lavoratori e le lavoratrici italiane. Questo dovrebbe far riflettere questi brand, poiché potrebbe confermare che i candidati scelgono in quale azienda vogliono dare il proprio contributo senza farsi "abbagliare" dalle organizzazioni più note, se queste non hanno una cultura aziendale e valoriale a loro affine  - afferma Elga Corricelli, co-founder dell’Associazione Ricerca Felicità -. Tra gli aspetti che rendono maggiormente soddisfatti spicca il bilanciamento vita-lavoro, e anche in questo caso fa riflettere la posizione del Nord-ovest rispetto alla media nazionale, dove solo il 44%, a fronte del 48% in Italia, ritiene che si faccia un uso sano e bilanciato della tecnologia. Tra gli aspetti che approfondiremo nelle prossime settimane non mancherà infatti il digital wellbeing.” 

L’Osservatorio BenEssere Felicità conferma anche come il lavoro incida sulla felicità della persona. Alla domanda “Se tu dovessi valutare quanto il tuo lavoro oggi incide sulla tua felicità complessiva, che peso gli daresti?” tra chi ha risposto molto e moltissimo la percentuale è del 51%, solo un 15% ritiene che non abbia impatto, mentre un restante 34% gli dà un peso relativo. Alla domanda “quanto ti senti felice del tuo lavoro?”, soltanto il 10% si sente pienamente appagato.

Se andiamo a osservare la felicità per il proprio lavoro vediamo le donne leggermente meno felici degli uomini con una media nazionale del 48% del genere femminile contro il 50%. La Generazione Z è quella più infelice del proprio lavoro con il 44%, a salire la Generazione X con il 46%, poi i boomer a un passo dalla pensione con il 50% e i millennial, che con il 55% sembrano i più felici del proprio lavoro. La classe operaia invece è la meno felice con una media del 44%”, conclude Elisabetta Dallavalle, presidente dell’Associazione Ricerca Felicità.

Tags: lavoro
Notizie della stesso argomento
Trovati 5 record
19/06/2024
Nel 2023 creati 445mila posti di lavoro in più rispetto al 2022 (+3,5%)
14/06/2024
Carrefour Italia ottiene la certificazione per la Parità di Genere da Bureau Veritas
14/06/2024
Intesa Sanpaolo: accordo coi sindacati per estendere la sperimentazione su smart working e...
13/06/2024
Rapporto Almalaurea 2024: aumentano tirocini e mobilità internazionale dei laureati
13/06/2024
Gruppo Lavazza: nuovo contratto integrativo per lo stabilimento di Gattinara
Trovati 5 record
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli