Crediti fiscali, Federcontribuenti a Bruxelles per parlare di Superbonus

- di: Romolo Martelloni
 

“Da Bruxelles arriva il punto di sintesi, ma anche di partenza sulla futura gestione e studio delle norme relative ai crediti fiscali”. Con questa premessa Alberto Spernich esperto in rappresentanza di Federcontribuenti ha presentato il convegno promosso da Centre Européen des Recherches Socio-économiques, Technologiques et Environnementales (CERSTE) in collaborazione con Federazione Nazionale delle Progettazioni Costruzioni e Infrastrutture C.N.L., un gruppo di esperti, proveniente dal mondo accademico, politico, imprenditoriale, bancario, della consulenza d'impresa e finanziaria che si è confrontato sul tema, proponendo spunti, riflessioni e suggerimenti sullo strumento. “Il credito fiscale, lungi dall'essere visto solo come uno strumento teso a minare l'equilibrio contabile dello Stato - ha spiegato Spernich -  se gestito, processato, monitorato, e normato da un quadro legislativo univoco e valido a livello pan europeo può essere un volano per l'economia tutt'altro che trascurabile e anzi, rivelarsi uno strumento di sviluppo economico, sociale ed ambientale”.

Crediti fiscali, Federcontribuenti a Bruxelles per parlare di Superbonus

Gli interventi si sono focalizzati sul Superbonus italiano evidenziandone “è vero gli aspetti critici, ma anche quelli, tutt'altro che trascurabili, positivi e perciò meritevoli di attenzione e ripresa”. Non è mancato un confronto con l'esperienza Usa, che fa ampio utilizzo dello strumento del credito fiscale da decenni, e che ne ha fatto parte costitutiva importante dello “Inflation reduction act”( IRA).

“Il paragone è servito ad evidenziare - ha sottolineato il rappresentante di Federcontribuenti - quelle caratteristiche sia di snellezza normativa che di veloce e pronta operatività, nonché il quadro di attuazione, ancorché gestito a livello di singoli stati nordamericani e non a dimensione nazionale”. Proprio il raffronto con questa normativa statunitense fa emergere prepotentemente il valore che analogo disposto potrebbe - si è evidenziato nell’incontro a Bruxelles - avere da un uso efficace ed efficiente dei crediti fiscali, se correttamente e chiaramente normato dal legislatore europeo. “Semplicità, facilità di attuazione, leggi chiare sono condizioni essenziali per il mercato dei crediti e per il sistema Paese - ha commentato Marco Paccagnella Presidente di Federcontribuenti (nella foto) - e oggi al Parlamento europeo abbiamo presentato la nostra visione di quello che ci aspetta in merito alle grandi sfide dell' economia, della transizione energetica e delle politiche fiscali. La nostra presenza a Bruxelles - ha concluso il presidente di Federcontribuenti - è volta a sensibilizzare i legislatori europei in merito alla necessita' e urgenza di far nascere un mercato dei crediti fiscali che per dimensioni ed importanza possa competere con quello degli Stati Uniti”.

Notizie della stesso argomento
Trovati 81 record
Pagina
1
19/07/2024
Rapporto 2024 “Italian Maritime Economy”: SRM presenta i nuovi scenari competitivi
19/07/2024
Leonardo: rinnovata la Certificazione del Sistema Anticorruzione
19/07/2024
IEG: al via cantiere per due strutture temporanee alla Fiera di Rimini
19/07/2024
Hera celebra i dieci anni di AcegasApsAmga: una storia di futuro per il Nordest
19/07/2024
Case in vendita in calo in Italia: Roma -10%, Milano in controtendenza con +3%
19/07/2024
Rapporto SIAE, Pasca (SILB-FIPE): “Settore sale da ballo in ripresa, ma serve trovare nuov...
Trovati 81 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli