Assoutenti: "Rischio rincaro per il caffè al bar: in 3 anni, prezzo medio tazzina a +15% nelle grandi città"

- di: Redazione
 
Le quotazioni del caffè salgono sui mercati internazionali e a pagarne le conseguenze potrebbero essere gli italiani: un'analisi di Assoutenti sui prezzi al dettaglio e consumi del classico espresso al bar, mostra come negli ultimi anni l'aumento dei listini sia stato incessante.
Al momento, il prezzo medio di una tazzina al bar è di 1,18 euro nelle grandi città, 15 centesimi più caro rispetto al prezzo registrato nel 2021, con un aumento di circa il 15%.

Assoutenti: "Rischio rincaro per il caffè al bar"

Tra le principali città, Bolzano è quella che detiene il primato del caro-caffè al bar (1,38 euro a tazzina in media), seguita da Trento (1,31 euro) mentre Catanzaro, con una media di 0,99 euro, risulta la città più economica, superando così anche Napoli (1,05 euro).
Confrontando però i listini attuali con quelli del 2021, è Pescara che vede il rincaro maggiore (da 1 euro a 1,28 euro, +28%), seguita da Bari (+24,4%).

Il presidente Gabriele Melluso, ha commentato: "Temiamo che i rialzi delle quotazioni del caffè possano portare nelle prossime settimane a incrementi dei prezzi sia per le consumazioni al bar (caffè, cappuccino, ecc.) sia per il caffè in polvere venduto nei supermercati. Anche pochi centesimi di aumento determinerebbero una stangata sulle tasche dei consumatori, considerato che in Italia vengono serviti nei locali pubblici circa 6 miliardi di caffè all’anno per un giro d’affari dell’espresso pari a circa 7 miliardi di euro annui".


Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli