Van Gogh, Keith Haring e la Domus Tiberiana nel weekend dell’arte

- di: Samantha De Martin
 

FOTO - Vincent van Gogh, Salici al tramonto, 1888, Olio su tela su cartoncino, Otterlo, Kröller-Müller Museum

Dopo 50 anni la Domus Tiberiana, grandiosa residenza imperiale sul colle Palatino, riapre al pubblico regalando ai romani un incredibile affaccio sulla valle del Foro.

Se la capitale riscopre un gioiello archeologico di intenso fascino, Milano fruga tra gli interessi colti di van Gogh attraverso una mostra che porta a Palazzo reale 40 capolavori dal Museo Kröller-Müller di Otterlo.

Questo e molto altro nell’agenda degli art lovers in questo weekend di settembre.

Brescia riscopre l’illustrazione

L’illustratore, fumettista, artista e regista bresciano Lorenzo Mattotti è al centro di una mostra che, al Museo di Santa Giulia di Brescia, si concentra sui tre mondi che hanno maggiormente influenzato la sua produzione. L’affondo su musica, cinema, danza permette di esplorare e approfondire la sua produzione da nuove prospettive, mettendone in luce lo stile inconfondibile e la capacità di infrangere i confini tra generi e linguaggi, tecniche e stili.

Lorenzo Mattotti. Storie, ritmi, movimenti, questo il titolo del percorso, presenta una serie di lavori legati agli interludi per i tre episodi del film Eros di Michelangelo Antonioni, Steven Soderbergh e Wong Kar-wai, ma anche il lungometraggio La famosa invasione degli orsi in Sicilia (2019), tratto dall’omonimo romanzo di Dino Buzzati.

A Roma riapre la Domus Tiberiana

Dopo importanti lavori di scavo e restauro, ma soprattutto dopo mezzo secolo di chiusura al pubblico, la Domus Tiberiana, all’interno del Parco archeologico del Colosseo, riapre ai visitatori. L’apertura della grandiosa residenza imperiale sul colle Palatino, affacciata sulla valle del Foro Romano con poderose arcate su più livelli, ha permesso il ripristino della circolarità dei percorsi tra Foro Romano e Palatino attraverso la rampa di Domiziano e gli horti farnesiani.

Imago imperii è il titolo del suggestivo allestimento museale, a cura di Alfonsina Russo, Maria Grazia Filetici, Martina Almonte e Fulvio Coletti, con l’organizzazione di Electa, che racconta la storia del monumento nei secoli.

Reperti in vetro, ceramica, metallo, decorazioni fittili rinvenuti durante gli scavi degli ultimi 30 anni raccontano la vita che si svolgeva nella reggia.

Van Gogh, pittore colto, in mostra a Milano

Un intellettuale estremamente colto. È questo il van Gogh che emerge dalla mostra che dal 21 settembre al 28 gennaio porta al Mudec di Milano 40 capolavori dal Kröller-Müller di Otterlo, museo che vanta una straordinaria collezione di dipinti e disegni dell’artista, seconda solo a quella del Van Gogh Museum di Amsterdam.

Attraverso un percorso cronologico e tematico, l’esposizione Van Gogh. Pittore colto segue lo sviluppo di due importanti temi: l’appassionato interesse per i libri e la fascinazione per il Giappone alimentata dall’amore per le stampe giapponesi, collezionate in gran numero.

Essenziale per la formazione artistica del pittore è stata l’influenza che ha avuto su di lui Jean-François Millet, grande maestro d’arte e di vita per Vincent.

Il percorso mira a presentare un artista meno outsider e più sorprendentemente aggiornato sul dibattito culturale del suo tempo:

Da non perdere: gli studi di teste e figure per I mangiatori di patate, l’Autoritratto del 1887, Interno di un ristorante, Moulin de la Galette.

Parma omaggia Keith Haring

Fino al 4 febbraio Palazzo Tarasconi seduce i visitatori con oltre 130 opere del più celebre artista pop degli anni Ottanta, in prestito da una collezione privata. Litografie, serigrafie, manifesti, disegni su carta illustrano l’intero arco della breve, ma prolifica carriera di Haring, esaminando diversi aspetti della vita e della produzione dell’artista.

Keith Haring. Radiant Vision vuole essere un omaggio al writer statunitense appassionato sostenitore della giustizia sociale, che nel corso della sua breve carriera ha riscritto le regole dell’arte contemporanea, integrando le arene apparentemente discrete della grintosa controcultura newyorkese e quelle dell’aristocrazia artistica dei quartieri alti.

Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli