Politiche monetarie: anche l'Italia nel mirino del Tesoro americano

- di: Emanuela M. Muratov
 
Gli Stati Uniti hanno accusato la Svizzera e il Vietnam di manipolare le loro valute per ottenere "vantaggi commerciali sleali", secondo quanto accertato dal Tesoro americano nel suo ultimo rapporto, che riguarda il periodo tra luglio 2019 e giugno 2020. Nel rapporto figura, insieme ad altri Paesi, anche l'Italia, ma con appunti meno pesanti rispetto quelli mossi a Svizzera e Vietnam.
Si tratta di uno dei due rapporti nei quali, nell'arco di un anno, il Tesoro americano esamina la situazione dei primi venti partner commerciali degli Stati Uniti.

L'accusa è stata però respinta dalla Banca nazionale svizzera: "In nessun caso" - ha detto un portavoce della Bns - "la Svizzera effettua manipolazioni monetarie", sottolineando che il rapporto del Tesoro americano non cambierà in alcun modo l'approccio della BNS alla politica monetaria.

Il presidente Donald Trump ha ripetutamente criticato i Paesi che hanno disavanzi commerciali con gli Stati Uniti, in particolare Cina e Germania, accusati di aver utilizzato una valuta più debole per vendere i loro prodotti a buon mercato a spese dei produttori americani.
Gli interventi della BNS sul mercato dei cambi, ha proseguito il portavoce dell'Istituto centrale elvetico, non hanno lo scopo di impedire aggiustamenti della bilancia dei pagamenti o di ottenere un vantaggio competitivo ingiustificato per l'economia svizzera, spiegando che la sua politica monetaria necessita di questi interventi per garantire condizioni adeguate e quindi la stabilità dei prezzi in Svizzera .

Da parte sua, il segretario al Tesoro degli Stati Uniti, Steven Mnuchin, ha definito le conclusioni del rapporto un "grande passo per proteggere la crescita economica e un'opportunità per le imprese e i lavoratori americani".
La Svizzera esporta negli Stati Uniti soprattutto oro, orologi di lusso, cioccolato e servizi finanziari.
Ora Washington si adopererà per eliminare le pratiche che creano un vantaggio commerciale sleale a favore del Vietnam e della Svizzera, posta sotto la sorveglianza del Tesoro Usa dallo scorso gennaio. mentre da parte loro, la BNS e le autorità svizzere hanno comunicato di essere in contatto con quelle americane per illustrare loro la situazione economica e la politica monetaria della Svizzera.

Il deficit commerciale degli Stati Uniti di beni e servizi con la Svizzera è stato di 5 miliardi di dollari nel 2019, mentre quello con il Vietnam è stato molto più alto: 54,5 miliardi. Secondo il Tesoro degli Stati Uniti, questi deficit sono peggiorati nella prima metà del 2020 e le autorità americane potrebbe usare la sanzione di nuove imposizioni tariffarie, ma non si tratta di una sanzione automatica.

Nel rapporto del Tesoro si è reso noto che sono sotto sorveglianza altri 10 Paesi, tra cui Germania, Giappone, Italia, Taiwan, Thailandia e India.
Prima della firma dell'accordo commerciale con Pechino dell'elenco faceva parte anche la Cina, che resta comunque sotto sorveglianza ed invitata ad essere più trasparente nella sua politica monetaria.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli