Energia: la Spagna va avanti nella chiusura delle centrali nucleari

- di: Redazione
 
Mentre il presidente Macron conferma la sua scelta del nucleare, la Spagna va avanti con il suo programma che prevede la graduale chiusura dei sette impianti oggi esistenti. Il calendario delle chiusure, come confermano fonti del Ministero della Transizione ecologica, citate da El Pais, comincerà nel 2027 per concludersi nel 2035 ed è frutto di un accordo tra il Governo e le società elettriche proprietarie delle centrali nucleari che vede coinvolta anche l' Azienda nazionale dei rifiuti (Enresa), incaricata dello stoccaggio delle scorie.

Le stesse fonti fanno sapere che ''nella misura in cui saranno soddisfatte le condizioni di sicurezza, priorità per le pubbliche amministrazioni e le imprese, sarà rispettato il calendario che consente di organizzare l'uscita di queste centrali nucleari in totale sicurezza, sia per l'impianto elettrico che per l'attività stessa. impianti e gestione dei rifiuti''.

L'obiettivo dell' Esecutivo di Pedro Sánchez è realizzare un sistema elettrico rinnovabile al 100%, rinunciando ad altre tecnologie, anche se alcune sopravviveranno come supporto in caso di necessità. Il ritiro del parco nucleare, che rappresenta circa il 23% della produzione elettrica spagnola, sarà compensato, come già avviene per il carbone, con l'aumento dell'energia rinnovabile e lo sviluppo su larga scala dello stoccaggio e della gestione della domanda. Solo se gli obiettivi sulle rinnovabili non fossero raggiunti si potrebbero modificare gli approcci allo spegnimento del nucleare.

Dal canto loro, le società elettriche, che condividono la proprietà delle centrali, mantengono la loro posizione favorevole all'utilizzo dell'energia nucleare. Nel 2019, nel corso delle trattative con il Governo , hanno proposto di allungare la vita utile, prevista di 40 anni. Anche se con differenze: mentre Endesa voleva che fosse fino al 50, Iberdrola e Naturgy si accontentavano di quattro o cinque anni in più rispetto a quei 40, come era stato stabilito. Tuttavia, le società sono contrarie a sfruttarle nelle condizioni attuali a causa della mancanza di redditività. Si riferiscono, in particolare, alla decisione del Governo di revocare la remunerazione percepita da quegli impianti che non emettono anidride carbonica ed erano operativi prima del 2005.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli