SIMEST: nel 2023, attivate risorse per oltre 9,5 miliardi di euro

- di: Redazione
 

Il Consiglio di Amministrazione di SIMEST ha approvato il progetto di bilancio 2023, anno in cui la società ha continuato a contribuire sul processo dell'internazionalizzazione delle imprese italiane, accrescendo la quota di risorse impegnate. Sono state infatti impiegati circa 8 miliardi di euro (+358% sul 2022), con le risorse attivate che hanno superato quota 9,5 miliardi (dato più che quintuplicato sull'anno precedente).

SIMEST: nel 2023, attivate risorse per oltre 9,5 miliardi di euro

Il supporto all’Export in convenzione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) attraverso il Fondo 295/73, è quasi decuplicato (salendo fino a 6,2 miliardi), i finanziamenti approvati per la finanza agevolata, in convenzione col MAECI tramite il Fondo 394/81 salgono del 35%, fino a 1,45 miliardi, mentre per quanto riguarda gli investimenti partecipativi, le operazioni realizzate salgono del 133%, fino a 130 milioni.

L’utile netto è più che raddoppiato, arrivando a 3,5 milioni, con una crescita del 12% dei volumi gestiti in portafoglio (29 miliardi).

Nel 2023 inoltre è stato stimato, in collaborazione con CDP, l’impatto generato sul tessuto economico e sociale italiano dalle risorse impegnate SIMEST: PIL generato pari allo 0,5% di quello italiano, con circa 140.000 occupati creati e/o mantenuti.

1°Pilastro - Crescita sostenibile e di qualità

Le principali novità del 2023 hanno riguardato:

  • Innovazione degli strumenti di finanza agevolata del Fondo 394, con focus su digitalizzazione, sostenibilità, crescita sui mercati esteri e supporto alle filiere produttive. Pervenute circa 7.000 richieste per circa €4 miliardi (oltre 10 volte il dato dell’operatività pre-covid): 90% da PMI, il 70% per investimenti e innovazione. Inoltre, il 25% delle domande proviene da imprese operative nel Mezzogiorno, mentre l’11% da imprese femminili e giovanili;
  • €500 milioni per misure e incentivi ad hocdi cui €200 milioni per potenziare la presenza delle imprese italiane nei mercati strategici dei Balcani Occidentali con richieste ricevute per il 100% del plafond, e €300 milioni di risorse a fondo perduto a sostegno delle imprese dei territori colpiti dalle alluvioni nel centro-nord Italia (ricevute 170 domande di ristoro per circa €65 milioni);
  • €200 milioni destinati alle start-up e PMI innovative attraverso il Fondo di Venture Capital, di cui €150 milioni già sottoscritti per l’operatività del Fondo di Fondi Internazionale e €50 milioni per operatività diretta con prime delibere nei seguenti settori: Space economy, Foodtech, E-commerce, E-grocery;
  • Rafforzamento della Cooperazione sistemica attraverso l’intensificazione delle azioni sinergiche con CDP e SACE e nuovi accordi commerciali sottoscritti con i principali istituti bancariICE e Assocamerestero, al fine di raggiungere una più ampia platea di imprese;
  • Avvio del nuovo servizio di consulenza strategica per l’internazionalizzazione per agevolare l’ingresso delle imprese nei mercati prioritari per il Made in Italy. Aperti i primi 2 uffici di rappresentanza di SIMEST all’estero in Serbia (Belgrado) a giugno 2023 e in Egitto (Cairo) a marzo 2024.

2° Pilastro: Presidio rischi, Digitalizzazione ed efficienza operativa

Le principali iniziative del 2023 che hanno consentito il superamento degli obiettivi previsti dal Piano:

  • Crescita dell’organico del +10% rispetto al 2022 per supportare il forte incremento delle attività nel primo anno di Piano;
  • Rafforzamento dei Presidi di rischio attraverso la digitalizzazione dei controlli Antiriciclaggio e Compliance con riduzione progressiva delle attività oggetto di gestione manuale;
  • Riduzione dei tempi interni di risposta al cliente (-39%) attraverso la semplificazione dei processi in ambito investimenti Partecipativi;
  • Iniziato il piano di Trasformazione digitale, in coordinamento con CDP, al fine di migliorare i presidi dei rischi e l’esperienza cliente grazie anche al nuovo CRM (Customer Relationship Management) aziendale.

3° Pilastro: Persone e cultura aziendale

Le principali iniziative del 2023 si sono focalizzate sul rafforzamento della leadership inclusivaunicità delle diversitàvalorizzazione delle competenze con il superamento degli obiettivi previsti:

  • Realizzato programma di rigenerazione culturale con definizione dei nuovi Purpose, Vision, Mission e Valori di SIMEST;
  • Adottate iniziative per la parità di genere, con il 43% di donne in posizione manageriale e circa il 30% di manager under 40, e interventi per la riduzione del pay gap con rafforzamento delle politiche Diversity & Inclusion, e attivazione delle selezioni blind;
  • Rafforzato il welfare aziendale attraverso nuovi servizi per il benessere e la salute (visite mediche in azienda, caregiving, supporto psicologico), iniziative per la conciliazione vita-lavoro (remote working per il 50:50, iniziative per il tempo libero e per le famiglie), nuove condizioni per mutuo e prestiti ai colleghi. SIMEST ha inoltre adottato un Manifesto per il Diritto alla disconnessione, rappresentando un progetto pilota per tutto il Gruppo CDP;
  • Sviluppati percorsi per la valorizzazione delle competenze, anche con programmi di mobilità internazionale per i colleghi presso aziende partner SIMEST all’estero (es. USA, Romania, Repubblica Ceca), nuovi percorsi di carriera per i talenti anche in linea con quelli di CDP;
  • Circa il 30% dei colleghi coinvolti come Brand Ambassador per la promozione di SIMEST e l’acquisizione di nuovi talenti in partnership con il mondo accademico, non limitato agli indirizzi economici e\o giuridici

4° Pilastro: Impatto sul territorio e ESG

Nel 2023 è stato adottato un approccio ESG oriented con la finalità di stimolare la crescita sostenibile dei propri partner, misurandone, al tempo stesso, l’impatto generato sul territorio:

  • Introdotta nell’ambito degli Investimenti Partecipativi la valutazione di sostenibilità ex ante sulla maturità ESG della controparte e del progetto, facendo leva sulle expertise del Gruppo CDP. Definiti in più del 90% delle operazioni obiettivi di sostenibilità con previsione di premialità al raggiungimento dei target prefissati;
  • Sviluppato processo di misurazione dell’impatto delle risorse impiegate rispetto a 4 dei campi di intervento CDP (Transizione energetica, Digitalizzazione, Innovazione tecnologica, Sostegno alle filiere strategiche);
  • Realizzate iniziative di sostenibilità interna attraverso l’attivazione di percorsi di Formazione ESG riservati ai colleghi, Obiettivi di sostenibilità integrati nella valutazione della performance e la concessione di contributi per mezzi di trasporto sostenibili;
  • Effettuate iniziative di volontariato come la «Spesa Solidale», in collaborazione con la Comunità di Sant'Egidio, e giornate della sostenibilità, che hanno visto il coinvolgimento dei colleghi e di varie associazioni del territorio in azioni concrete a favore della comunità e dell’ambiente;
  • Organizzate tavole rotonde in alcune regioni italiane sul tema dell’internazionalizzazione e della sostenibilità con la partecipazione delle imprese del territorio.

Pasquale Salzano, Presidente di SIMEST (nella foto), ha dichiarato: “I risultati del 2023 testimoniano l’impegno profondo di SIMEST nel supportare le imprese italiane, con un focus particolare sulle PMI, guidandole verso la crescita sui mercati internazionali in un contesto geopolitico in continua evoluzione. Grazie alla gestione efficace dei fondi in convenzione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, abbiamo attivato risorse particolarmente rilevanti, idonee ad accompagnare e rafforzare le aziende italiane nel loro percorso di internazionalizzazione. Questi sforzi hanno catalizzato il successo di molteplici iniziative imprenditoriali italiane all'estero, evidenziando il nostro ruolo cruciale nel sostenere l'accesso ai mercati globali attraverso una gamma completa di servizi: dal supporto all’export, ai finanziamenti agevolati, fino all’ingresso nel capitale. I brillanti risultati che presentiamo oggi sono frutto del prezioso impegno e della dedizione quotidiana di tutti gli uomini e le donne di SIMEST che con il loro lavoro permettono alla Società di confermarsi come attore primario nel panorama istituzionale di supporto all’internazionalizzazione, determinato a rafforzare ulteriormente il suo contributo alla crescita dell’economia nazionale e alla promozione dell’eccellenza italiana nel mondo.”

Regina Corradini D’Arienzo, Amministratrice delegata di SIMEST, ha aggiunto: "I risultati del 2023 confermano la valenza strategica del nostro “patto” siglato, con un focus sulle PMI per la crescita sui mercati esteri, con una forte attenzione dedicata alle filiere produttive e ai nuovi strumenti a supporto della crescita sostenibile e di impatto. L’implementazione del Piano strategico, in sinergia con CDP, ci ha permesso di ridisegnare i nostri prodotti per favorire l'innovazione, la digitalizzazione e la crescita sostenibile con un significativo impatto sul tessuto imprenditoriale italiano grazie a una crescita rilevante delle risorse impiegate. Con l’apertura delle prime sedi SIMEST all’estero, abbiamo ridotto le distanze per le nostre imprese, affiancandole nelle scelte d’investimento nei mercati strategici del Made in Italy. Risultati eccellenti raggiunti grazie al contributo di tutte le nostre persone che si sono riconosciuti in una rinnovata cultura aziendale basata su una leadership più inclusiva, «unicità» delle diversità e valorizzazione delle competenze. Grazie al continuo dialogo e ascolto degli imprenditori, volto a capirne l’evoluzione delle strategie e dei bisogni, rafforzeremo ulteriormente la nostra azione per favorire una crescita internazionale in sinergia con il sistema Italia e con l’indirizzo del MAECI, al fine di sviluppare una cooperazione che rafforzi la competitività e l’eccellenza del Made in Italy nel mondo".

Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli