Guerra e sanzioni non hanno fermato le esportazioni russe negli Stati Uniti

- di: Redazione
 
Mentre il presidente Joe Biden ha promesso di "infliggere dolore" e "un duro colpo" a Vladimir Putin attraverso le restrizioni commerciali su materie prime come vodka, diamanti e benzina, giunge notizia che centinaia di altri tipi di merci non autorizzate per un valore di miliardi di dollari continuano ad affluire nei porti statunitensi.
Secondo l'Associated Press, più di 3.600 spedizioni di legno, metalli, gomma e altre merci sono arrivate nei porti statunitensi dalla Russia dall'inizio della guerra. In ogni caso il numero delle spedizioni si è fortemente contratto rispetto allo stesso periodo del 2021, quando ne sono arrivate circa 6.000, ma si tratta comunque di un fatturato di oltre un miliardo di dollari al mese.

Usa: non si fermano le esportazioni russe

In realtà, nessuno si aspettava che il commercio si fermasse dopo l'invasione, poiché l'economia globale è così intrecciata che le sanzioni devono essere di portata limitata per evitare di far salire i prezzi in un mercato già instabile.
Inoltre le sanzioni statunitensi non hanno gli stessi effetti dei divieti di Unione Europea e Regno Unito a causa di regole commerciali contorte che possono confondere acquirenti, venditori e politici.
Uno degli esempi più evidenti è il fatto che Stati Uniti e Ue hanno pubblicato elenchi separati di società russe che non possono ricevere esportazioni, ma almeno una di queste società - che fornisce all'esercito russo metallo per fabbricare gli aerei da combattimento che bombardano l'Ucraina - sta ancora vendendo milioni di dollari di metallo a ditte americane ed europee.

Spesso gli importatori statunitensi, che pure cercano di acquistare altrove le merci che utilizzano, dicono di non avere alternativa ai prodotti che arrivano dalla Russia, come il legname, particolarmente duro e quindi il migliore per determinati mobili (come quelli per le scuole) e la pavimentazione delle abitazioni.
Un'analisi delle merci importate dalla Russia mostra che alcuni articoli sono legali e persino incoraggiati dall'amministrazione Biden, come le oltre 100 spedizioni di fertilizzanti arrivate dall'invasione. Anche prodotti ora vietati, come petrolio e gas russo, hanno continuato ad arrivare nei porti degli Stati Uniti molto tempo dopo l'annuncio delle sanzioni. Allo stesso modo spesso è difficile capire quale sia la vera origine dei prodotti che arrivano negli Stati Uniti. Come il caso del petrolio dal Kazakistan, che è mescolato con carburante russo.

La Russia e gli Stati Uniti non sono mai stati importanti partner commerciali, quindi sanzionare le importazioni è solo una piccola parte della strategia di ritorsione. Le restrizioni alle esportazioni dagli Stati Uniti – di tecnologia in particolare – causano maggiori danni all'economia russa e le sanzioni alla Banca centrale russa hanno congelato l'accesso della Russia a circa 600 miliardi di dollari di riserve valutarie detenute negli Stati Uniti e in Europa. C'è poi il fondato timore che interrompendo l'importazione dalla Russia di metalli come alluminio, acciaio e titanio, i prezzi per gli americani, già alle prese con l'inflazione, avrebbero una forte impennata.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli