L'indice dei prezzi alimentari della FAO aumenta a marzo

- di: Barbara Leone
 

L’aumento delle quotazioni internazionali di oli vegetali, prodotti lattiero-caseari e carne ha spinto l’indice di riferimento per i prezzi delle materie prime alimentari mondiali in rialzo dell’1,1% a marzo, il primo aumento in sette mesi, ha riferito venerdì l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO). L'Indice FAO dei prezzi alimentari, che misura le variazioni mensili dei prezzi internazionali di una serie di prodotti alimentari commercializzati a livello globale, a marzo ha registrato una media di 118,3 punti, in calo del 7,7% rispetto al valore corrispondente di un anno fa. L'Indice FAO dei prezzi degli oli vegetali ha guidato l'aumento di marzo, aumentando dell'8,0% rispetto a febbraio e raggiungendo il massimo di un anno, mentre le quotazioni degli oli di palma, soia, girasole e colza sono aumentate. I prezzi internazionali dell’olio di palma sono aumentati a causa del calo stagionale della produzione nei principali paesi produttori e della solida domanda interna nel sud-est asiatico, mentre quelli dell’olio di soia si sono ripresi dai minimi pluriennali, sostenuti dalla forte domanda proveniente dal settore dei biocarburanti, in particolare in Brasile e negli Stati Uniti. America. L'Indice FAO dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari è aumentato per il sesto mese consecutivo, in crescita del 2,9% rispetto a febbraio, guidato dall'aumento dei prezzi mondiali di formaggio e burro. Anche l'Indice FAO dei prezzi della carne è aumentato, dell'1,7% rispetto al mese precedente, con i prezzi internazionali in aumento per le carni di pollame, maiale e bovino.

L'indice dei prezzi alimentari della FAO aumenta a marzo

Al contrario, l’Indice FAO dei prezzi dei cereali è diminuito del 2,6%, con una media del 20% inferiore al valore di marzo 2023. Il calo è stato causato dalla diminuzione dei prezzi globali delle esportazioni di grano, che sono diminuiti a causa della continua forte concorrenza nelle esportazioni – sottolineata dagli acquisti annullati da parte della Cina – tra l’Unione Europea, la Federazione Russa e gli Stati Uniti d’America. I prezzi all'esportazione del mais sono aumentati nel mese di marzo, in parte a causa delle difficoltà logistiche in Ucraina, mentre l'Indice FAO dei prezzi del riso è sceso dell'1,7% a causa della debole domanda globale di importazioni. L'Indice FAO dei prezzi dello zucchero è diminuito del 5,4% rispetto a febbraio, un calo dovuto principalmente a una revisione al rialzo delle previsioni sulla produzione di zucchero per il 2023/24 in India e al miglioramento del ritmo del raccolto in Tailandia.

Venerdì la FAO ha anche pubblicato un nuovo rapporto sulla domanda e offerta di cereali , alzando le sue previsioni per la produzione mondiale di cereali nel 2023/24 a 2.841 milioni di tonnellate, riflettendo le aspettative di maggiori produzioni di mais, riso e grano. L’utilizzo globale di cereali nel 2023/24 è fissato a 2.828 milioni di tonnellate, con un aumento dell’1,3% rispetto al livello del 2022/23. Si prevede che le scorte mondiali di cereali chiuderanno la stagione 2024 a 894 milioni di tonnellate, con un aumento del 2,3% dall’inizio dell’anno, indicando un rapporto scorte/utilizzo mondiali del 31,0%. Si prevede che il commercio mondiale di cereali aumenterà dell’1,7% rispetto all’anno precedente fino a raggiungere 485 milioni di tonnellate nel 2023/24. Si prevede che il commercio internazionale di cereali secondari si espanderà a partire dal 2022/23, mentre il commercio di grano e riso probabilmente subirà una contrazione. La FAO ha inoltre adeguato le sue previsioni per la produzione globale di grano nel 2024, che ora ammonta a 796 milioni di tonnellate, segnando un aumento dell'1,0% rispetto al 2023. Per i raccolti di cereali secondari, la semina inizierà presto nell’emisfero settentrionale, mentre i raccolti sono già iniziati a sud dell’equatore. Mentre si prevede che la produzione dell’Argentina si riprenda dopo la crisi del 2023 colpita dalla siccità, si prevedono produzioni minori in Brasile e in tutta l’Africa meridionale.

Notizie della stesso argomento
Trovati 81 record
Pagina
1
19/07/2024
Rapporto 2024 “Italian Maritime Economy”: SRM presenta i nuovi scenari competitivi
19/07/2024
Leonardo: rinnovata la Certificazione del Sistema Anticorruzione
19/07/2024
IEG: al via cantiere per due strutture temporanee alla Fiera di Rimini
19/07/2024
Hera celebra i dieci anni di AcegasApsAmga: una storia di futuro per il Nordest
19/07/2024
Case in vendita in calo in Italia: Roma -10%, Milano in controtendenza con +3%
19/07/2024
Rapporto SIAE, Pasca (SILB-FIPE): “Settore sale da ballo in ripresa, ma serve trovare nuov...
Trovati 81 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli