Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2030, Unicef: "Per due terzi degli indicatori relativi ai bambini, traguardi ancora lontani"

- di: Barbara Leone
 
A metà del percorso per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) del 2030, per due terzi degli indicatori relativi ai bambini i traguardi prefissati sono ancora lontani. A dirlo è un rapporto dell’Unicef lanciato oggi. “Progress on Children's Well-Being: Centring child rights in the 2030 Agenda” avverte che, ad oggi, appena il 6% della popolazione infantile (ovvero 150 milioni di bambini) e che vive in soli 11 Paesi, ha beneficiato del raggiungimento del 50% degli obiettivi relativi all'infanzia, il livello più alto raggiunto a livello globale. Se i progressi previsti continueranno, entro il 2030 solo 60 Paesi - che ospitano appena il 25% della popolazione di bambini - avranno raggiunto i loro obiettivi, lasciando indietro circa 1,9 miliardi di bambini in 140 Paesi.

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2030, Unicef: "Per due terzi degli indicatori relativi ai bambini, traguardi ancora lontani"

Sette anni fa, il mondo si è impegnato a eradicare la povertà, la fame e le disuguaglianze e a garantire a tutti, soprattutto ai bambini, l'accesso a servizi di base di qualità - ha dichiarato il Direttore generale dell'Unicef Catherine Russell -. Ma a metà strada dell'Agenda 2030, il tempo a nostra disposizione per trasformare la promessa degli SDGs in realtà sta per scadere. Le conseguenze del mancato raggiungimento degli obiettivi si rifletteranno sulle vite dei bambini e sulla sostenibilità del nostro pianeta. Dobbiamo rimetterci in carreggiata, e questo inizia mettendo i bambini in prima linea nell'azione accelerata per raggiungere gli SDGs”.

Il rapporto, pubblicato in vista della High-level Week della 78a sessione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite (UNGA) e del Vertice SDG di New York, fornisce un'istantanea dei progressi compiuti fino ad oggi sugli indicatori specifici per i bambini degli SDGs*, adottati dagli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015 con l'obiettivo di porre fine alla povertà, ridurre le disuguaglianze e costruire società più pacifiche e prospere entro il 2030. L'analisi mette insieme oltre 20 anni di dati relativi a più di 190 Paesi, confrontando la situazione attuale dei Paesi con quella che intendono raggiungere nei prossimi sette anni e identificando le sfide e le opportunità per un'azione accelerata. I risultati mostrano un quadro misto di progressi e arretramenti rispetto agli obiettivi globali. Secondo il rapporto, l'accelerazione dello sviluppo è possibile con un forte impegno nazionale, politiche efficaci e finanziamenti adeguati, con alcuni Paesi a basso e medio reddito che registrano i progressi più rapidi. Ad esempio, sulla base dei dati disponibili al 2021, la Cambogia, l'India, il Marocco, il Ruanda e l'Uganda, tra gli altri, hanno ottenuto risultati consistenti in diversi SDG legati ai bambini, soprattutto quando gli sforzi sono stati indirizzati verso aree che hanno prodotto risultati in diversi indicatori. Tuttavia, anche questi Paesi hanno ancora molta strada da fare per raggiungere gli obiettivi e devono mantenere il loro ritmo o accelerare ulteriormente.

In sette anni possono accadere molte cose - ha aggiunto Russell -. Possiamo rinnovare e riorientare i nostri sforzi e rendere il mondo un posto più giusto e più sano per tutti. Ma per farlo, i leader mondiali devono diventare difensori dei bambini e mettere i diritti dell'infanzia al centro delle loro politiche interne e delle loro agende di spesa”.

Il mondo è ancora alle prese con gli effetti di molteplici crisi (Covid-19, cambiamenti climatici, conflitti e crisi economiche) che hanno fermato o invertito anni di progressi. In particolare, negli ultimi anni la pandemia ha contribuito direttamente a un crollo storico dei servizi di vaccinazione e la povertà di apprendimento è aumentata di un terzo nei Paesi a basso e medio reddito. Gli obiettivi relativi alla protezione dai pericoli, all'apprendimento e a una vita senza povertà sono i più lontani dai loro traguardi. Per raggiungere gli obiettivi del 2030, i Paesi che attualmente non sono al passo dovranno accelerare i progressi fino a raggiungere livelli storicamente senza precedenti. I dati dimostrano che investire nei diritti dei bambini genera e mantiene risultati per tutte le società, le persone e il pianeta, poiché gli interventi nei primi anni di vita dei bambini sono i più efficaci per eliminare la fame, la povertà, la cattiva salute e le disuguaglianze.

Mentre i leader mondiali si preparano a riunirsi questa settimana per discutere il traguardo di metà percorso degli SDGs, l'Unicef chiede ai Paesi di mettere i diritti dei bambini al centro delle loro agende e di compiere passi storici per accelerare i progressi. Innanzitutto costruendo  un impegno politico a livello nazionale. I governi dovrebbero aumentare e tutelare in modo significativo la spesa sociale in settori quali la sanità, l'istruzione e la protezione sociale. Definendo poi obiettivi ambiziosi e realistici e passando all'azione. Adattare gli obiettivi globali ai contesti locali, tenendo conto delle capacità tecniche, politiche, di governance e finanziarie per garantire azioni realizzabili e cambiare l'arco della traiettoria verso una maggiore accelerazione verso gli SDG. Dando priorità alla conoscenza e ai dati per i bambini. Promuovere forti partnership e collaborazioni tra le parti interessate per facilitare la raccolta, la condivisione e l'utilizzo dei dati, al fine di determinare le azioni concrete necessarie per raggiungere gli obiettivi degli SDGs. Rafforzando l'impegno per la costruzione di un pianeta vivibile per ogni bambino. I governi e la comunità internazionale dovrebbero aumentare gli investimenti per sviluppare e attuare strategie di mitigazione e adattamento al clima. E garantendo che i sistemi di finanziamento funzionino per accelerare i progressi. Esplorare opzioni di finanziamento innovative a livello nazionale e internazionale che diano priorità ai risultati, sottolineino l'equità e l'efficacia e indirizzino gli investimenti in aree trasversali.

Notizie della stesso argomento
Trovati 10 record
Pagina
1
12/06/2024
Food Social Impact, BNL BNP Paribas per la transizione energetica delle imprese italiane
12/06/2024
EDP: al via la seconda edizione del "We Choose Earth Tour 2024"
11/06/2024
Seapower: workshop sul tema delle turbine eoliche galleggianti offshore
11/06/2024
Crisi climatica, l’allarme di Legambiente: Italia hub degli sprechi di gas
11/06/2024
NatPower H e Hydrocell: accordo per la fornitura di 4,5 tonnellate di idrogeno in 3 anni
07/06/2024
ClimateSeed approda anche in Italia: tecnologia e IA per misurare le emissioni di CO2 dell...
Trovati 10 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli