Generi alimentari, Fao: "In flessione per il dodicesimo mese consecutivo l’indice di riferimento dei prezzi internazionali"

- di: Barbara Leone
 
In marzo, l’indice di riferimento dei prezzi internazionali dei generi alimentari ha fatto registrare una flessione per il dodicesimo mese consecutivo, trainata da una frenata generalizzata delle quotazioni mondiali di cereali e oli vegetali. Ad annunciarlo, oggi, è l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO). L'Indice FAO dei prezzi dei prodotti alimentari, che rileva le variazioni mensili dei prezzi internazionali dei generi alimentari comunemente oggetto di scambi commerciali, ha raggiunto, nel marzo 2023, un valore medio di 126,9 punti, in calo del 2,1 percento rispetto al mese precedente, ma del 20,5 percento rispetto al valore record osservato nel marzo 2022. A contribuire alla frenata sono state ampie disponibilità di forniture, una contrazione della domanda di importazione e la prosecuzione dell’Iniziativa sui cereali del Mar Nero. L’Indice FAO dei prezzi dei cereali è sceso del 5,6 percento da febbraio, con i prezzi internazionali del grano in caduta libera del 7,1 percento, grazie alla forte crescita della produzione in Australia, al miglioramento delle condizioni di produzione nell’Unione europea, all'elevata disponibilità di forniture dalla Federazione russa e alla continuità delle esportazioni dall’Ucraina, dai porti del Mar Nero. Stessa dinamica si è osservata per i prezzi mondiali del mais, che sono crollati del 4,6 percento, in parte, a fronte delle previsioni di raccolti record in Brasile, mentre le quotazioni del riso sono state mitigate del 3,2 percento, alla luce dell’andamento dei raccolti in corso o imminenti nei principali paesi esportatori, tra cui India, Vietnam e Thailandia. Si evidenzia un rallentamento dei prezzi anche per l’Indice FAO dei prezzi degli oli vegetali, che, in media, è risultato inferiore del 3,0 percento rispetto al dato del mese scorso e del 47,7 percento rispetto al marzo 2022, complici un’ampia disponibilità mondiale di forniture e la contrazione della domanda internazionale di importazioni, che hanno portato a un ripiegamento verso il basso delle quotazioni degli oli di soia, colza e semi di girasole. Tali valori hanno ampiamente compensato l’aumento dei prezzi dell’olio di palma, il cui slancio è riconducibile al calo della produzione nell’Asia sudorientale, dove si fa sentire l’impatto delle inondazioni e delle temporanee restrizioni alle esportazioni imposte dall’Indonesia.

Generi alimentari, Fao: "In flessione per il dodicesimo mese consecutivo l’indice di riferimento dei prezzi internazionali"

“Nonostante la frenata dei prezzi osservata a livello globale, le quotazioni dei prodotti alimentari sono ancora estremamente alte e in costante incremento nei mercati domestici, il che mette ulteriormente a rischio la sicurezza alimentare - ha dichiarato Máximo Torero, Economista capo della FAO -. Ciò vale, in particolare, per i paesi in via sviluppo, cosiddetti importatori netti, sui quali grava, oltretutto, il deprezzamento delle valute nazionali rispetto al dollaro statunitense o all’euro e un carico debitorio sempre più gravoso”. In marzo, è sceso anche l’Indice FAO dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari (0,8 percento). In questo settore, le quotazioni del burro hanno guadagnato terreno, in seguito a un irrobustimento della domanda di importazione, mentre si è abbassata l’asticella dei prezzi dei formaggi, a fronte di un rallentamento degli acquisti da parte dei principali importatori asiatici, nonché a un aumento delle disponibilità nei maggiori paesi esportatori. In controtendenza, l’Indice FAO dei prezzi dello zucchero, che ha guadagnato l’1,5 percento rispetto a febbraio, raggiungendo il valore più alto osservato dall’ottobre 2016, per effetto dei timori legati alle pessimistiche previsioni sulla produzione in India, Thailandia e Cina. Per contro, le proiezioni favorevoli concernenti la produzione di canna da zucchero in Brasile, dove il raccolto è ormai imminente, hanno consentito di contenere la spinta verso l'alto dei prezzi, che è stata raffreddata anche dalla flessione dei prezzi internazionali del petrolio grezzo, con una conseguente compressione della domanda di etanolo. In lieve aumento (+0,5 percento) anche l’Indice FAO dei prezzi della carne, che ha interessato sia le quotazioni internazionali di carne bovina, a causa dell’ascesa dei prezzi, sul piano nazionale, negli Stati Uniti d’America, per effetto di un atteso calo delle forniture, sia i prezzi della carne suina, per via della crescita della domanda in Europa, nel periodo antecedente alle vacanze. Viceversa, nonostante i focolai di influenza aviaria osservati in alcuni importanti paesi esportatori, i prezzi mondiali della carne di pollame sono calati per il nono mese consecutivo, per effetto dell’irrigidimento della domanda globale di importazioni.

Nel suo Bollettino sull’offerta e la domanda dei cereali, pubblicato anch’esso in data odierna, la FAO ha rivisto al rialzo le sue previsioni relative alla produzione mondiale di grano nel 2023, attualmente stimata in 786 milioni di tonnellate, che potrebbe tradursi in un calo dell’1,3 percento rispetto al livello del 2022, rappresentando comunque il secondo valore più alto in assoluto. In Asia, si prevedono livelli quasi storici in termini di aree seminate, mentre Africa settentrionale ed Europa meridionale sono in sofferenza a causa della siccità. Nell'emisfero meridionale, le superfici coltivate e le prospettive di produzione del mais in Brasile farebbero pensare a valori record, sostenuti da un'energica domanda di esportazioni. Buone le prospettive di resa anche in Sudafrica, dove, nel 2023, si potrebbe avere il secondo raccolto più alto in assoluto. Per contro, le prolungate condizioni di siccità hanno compromesso i raccolti di mais in Argentina. La FAO ha anche rivisto in termini più ottimistici le stime relative alla produzione di cereali a livello mondiale nel 2022, prevedendo un volume di 2 777 milioni di tonnellate, attualmente in calo soltanto dell’1,2 percento rispetto allo scorso anno. Quanto alla produzione mondiale di riso per il periodo 2022/2023, al momento, si calcola un totale di 516 milioni di tonnellate, in flessione dell’1,6 percento rispetto al livello record toccato nel 2021/2022, ma pur sempre un volume al di sopra della media. Le previsioni aggiornate della FAO riguardo all’utilizzo di cereali a livello mondiale, nel periodo 2022-2023, parlano di un consumo di 2 779 milioni di tonnellate, in discesa dello 0,7 percento rispetto al 2021-2022. Al termine delle stagioni del 2022-2023, le scorte cerealicole mondiali dovrebbero contrarsi dello 0,3 percento rispetto all'inizio dell'anno, attestandosi su un quantitativo di 850 milioni di tonnellate. È probabile che il rapporto mondiale tra riserve e utilizzo di cereali si porti dal 30,7 percento del 2021-2022 al 29,7 percento, che, tuttavia, può continuare a essere considerato un dato complessivamente favorevole sul piano internazionale. Nel 2022-2023, si prevedono strozzature anche per quanto riguarda gli scambi di cereali a livello mondiale, che subiranno una contrazione del 2,7 percento rispetto al periodo 2021-2022, fino a raggiungere il quantitativo di 469 milioni di tonnellate. Questo andamento riflette, perlopiù, l'attesa diminuzione degli scambi di cereali secondari, in un contesto globale in cui, al contrario, è previsto un incremento degli scambi mondiali di grano. Nel 2023, infine, gli scambi internazionali di riso dovrebbero subire una contrazione del 5,2 percento rispetto al livello record osservato nel 2022.

Notizie della stesso argomento
Trovati 78 record
Pagina
1
16/07/2024
Farmacosmo annuncia la nascita di Farmacosmo Logistics
15/07/2024
Italian Exhibition Group, partnership strategica con Smart City Business Brazil
15/07/2024
Gruppo BPER lancia il servizio per le imprese "Transizione 5.0" con un plafond di un milia...
15/07/2024
Fondazione Compagnia di San Paolo presenta il Piano Strategico 2025-2028
15/07/2024
Nautica: il mercato globale raggiunge quota 33 miliardi
Trovati 78 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli