Su Netflix la storia del guru brasiliano che ha violentato 500 donne

- di: Redazione
 
Arriva su Netflix la storia di João de Deus, che per decenni ha abusato delle donne che in lui vedevano una guida spirituale e che, a meno di ''miracoli'' giudiziari, non vedrà più la luce del sole dopo essere stato condannato a 64 anni di reclusione, da un tribunale brasiliano, per centinaia di accertate violenze sessuali.
João de Deus è la conferma di come il potere della parola, della fascinazione, che si mischiano all'ignoranza ed alla vulnerabilità, siano armi potentissime nelle mani di chi sa usarle con furbizia.

Ma sbaglia chi crede che un santone come lui abbia fatto presa solo per la permeabilità o la debolezza del carattere delle sue vittime, perché nella rete del guru è caduta anche Oprah Winfrey che, da regina della televisione americana, nel 2012 volò con un aereo privato nel cuore del Brasile affinché il guaritore potesse imporle le mani, ma anche per assistere a ''operazioni'' con cui il santone, usando strumenti rudimentali (come forbici e coltelli da cucina), garantiva la guarigione anche da malattie gravissime.

Per decenni João de Deus ha usato la sua capacità di ammaliare le sue ''fedeli'', fino a quando, nel 2018, cinque di esse ebbero il coraggio di uscire allo scoperto e di denunciarlo nel corso di un talk show televisivo. Quelle cinque donne hanno aperto la strada a tante altre ed alla fine sono state in 500 ad accusarlo di averle abusate sessualmente, e tra di loro c'è stata anche una delle sue figlie. Il sospetto degli inquirenti brasiliani è che il numero delle vittime del guru sia più alto e che in molte hanno deciso di non denunciarlo per paura o per vergogna.

Approda su Netflix la serie di documentari su João de Deus

Ora la storia di questo 79/enne (tornato in carcere dopo un anno ai domiciliari a causa del Covid-19) è diventata l'oggetto di una serie di documentari con cui Netflix ne ricorda la vita, dai trionfi - con migliaia di ''fedeli'' in adorazione davanti a lui - alla creazione di un impero economico, fino alla deflagrante caduta all'inferno.
João Teixeira de Faria - detto João de Deus - diceva di potere curare i malati e i disperati grazie agli spiriti dei defunti che si impossessavano del suo corpo. Davanti a centinaia di persone dava a vedere d'essere entrato in trance, dopo di che gli spiriti ''incanalavano'' le loro energie attraverso di lui e gli permettevano di eseguire i suoi interventi chirurgici.

In migliaia ancora oggi, nonostante quello di cui è accusato, dicono di essere stati guariti da lui.
In una intervista ad una rivista, João de Deus - che non accettava pagamenti, ma solo ''donazioni'' per i suoi interventi - si schermì dicendo: ''Non sono io che curo negli interventi chirurgici, lo fanno le entità, oltre a Dio. Io sono solo uno Suo strumento''.
Nei quattro documentari che Netflix ha dedicato alla sua vicenda, parleranno molte delle donne che hanno avuto il coraggio di uscire allo scoperto e denunciare un uomo che si sentiva un santo e che non aveva avuto scrupoli nell'usare la sua influenza per rispondere alla sua insaziabile sete di sesso e potere.

Nella serie Netflix, che include anche filmati delle sue spaventose tecniche per operare i cosiddetti miracoli, parlano i pubblici ministeri che hanno indagato sui crimini sessuali e anche diversi suoi ex collaboratori.
Lo spiritualismo in Brasile è la terza fede con i seguaci più ufficiali dopo la Chiesa cattolica e gli evangelici. I suoi quasi quattro milioni di seguaci credono nella reincarnazione, nel karma e nel potere curativo dell'energia trasmessa dagli spiriti.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie