"Mi stai guardando? Allora sei licenziato": Better.com taglia i dipendenti in videoconferenza

- di: Brian Green
 
''Se mi stai guardando significa che sei stato licenziato''.
Nell'epoca della comunicazione, dove tutto può essere affidato a un messaggio, non deve sorprendere più di tanto che l'amministratore delegato di una grossa società di mutui americana, la Better.com, abbia ufficializzato il licenziamento di circa il 9 per cento dei suoi dipendenti - oltre 900 persone - con un trucchetto, organizzando una videoconferenza - un webinar - alla quale sono stati convocati solo coloro che stava mettendo brutalmente alla porta. L'ad di Better.com, Vishal Garg, ha annunciato i licenziamenti informando i destinatari dei provvedimenti sarebbero stati tutti mandati via prima delle vacanze.

Better.com decide di licenziare dipendenti in videoconferenza

"Se sei in questa chiamata, fai parte dello sfortunato gruppo che viene licenziato", ha detto Garg durante la videoconferenza. "Il tuo impiego qui è terminato con effetto immediato", ha detto brutalmente. Davanti allo sbigottimento di quelli che stavano diventando ex dipendenti, Garg ha detto loro che gli sarebbe giunta una e-mail dalle risorse umane della società con i dettagli relativi alla liquidazione.

Garg ha citato l'efficienza del mercato, le prestazioni e la produttività come la ragione dietro i licenziamenti. Ma c'è chi ha riferito che Garg ha accusato i dipendenti di "rubare" ai loro colleghi e clienti essendo improduttivi e lavorando solo due ore al giorno.

"Questa è la seconda volta nella mia carriera che lo faccio e non voglio farlo. L'ultima volta che l'ho fatto, ho pianto", ha detto Garg durante la chiamata, che è stata breve e senza mostrare alcun coinvolgimento emotivo. Non è la prima volta che Vishal Garg è coinvolto in polemiche, legate anche ad alcune intemperanze nei confronti dei suoi dipendenti, come testimonierebbero delle mail che ha inviato loro con un linguaggio al limite dell'offesa.
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie