Inclusive Finance, Fiorentino (Banca Progetto): "Incoraggiare l'inclusione valore aggiunto"

- di: Barbara Bizzarri
 

Inclusive Finance ha riunito presso Pictet Asset Management a Milano alcuni protagonisti del mondo finanziario con l’obiettivo di confrontarsi su tematiche di forte attualità, quali il ruolo della donna nell’industria finanziaria in Italia, di come sostenere in maniera efficace, con azioni concrete, modelli di leadership femminile e del ruolo delle donne in posizioni apicali che contribuiscono a una maggiore performance dell’azienda e alla crescita economica più in generale. All’evento hanno partecipato Paolo Fiorentino, Amministratore Delegato di Banca Progetto, banca digitale specializzata nei servizi dedicati alle piccole e medie imprese italiane e alla clientela privata che si è sempre distinta sul tema della diversity, Desirèe Scarabelli, Sales Director di Pictet Asset Management e Simonetta Cristofari, Responsabile Sviluppo Italia di Crédit Mutuel Investment Managers.

Inclusive Finance, Fiorentino (Banca Progetto): "Incoraggiare l'inclusione valore aggiunto"

Paolo Fiorentino, Amministratore Delegato di Banca Progetto (nella foto) ha dichiarato: “Gestire le differenze e incoraggiare l’inclusione costituisce per noi un valore aggiunto dal punto di vista umano e un significativo vantaggio competitivo per il business perché si valorizza il contributo unico di ciascun dipendente: in Banca Progetto le donne rappresentano il 48% dei dipendenti totali. Per portare avanti un cambiamento bisogna ‘fare’ e noi, a tal proposito, abbiamo adottato tutta una serie di provvedimenti: per esempio siamo molto flessibili e prevediamo 14 giorni di smart-working al mese per i dipendenti genitori, abbiamo aumentato la retribuzione media delle donne del 9% e previsto un salario di ingresso minimo di 32mila euro. L’integrazione delle diversità è fondamentale, rischiamo di perdere opportunità per l’intero Paese, non valorizzando i talenti e non condividendo. Abbiamo anche in pipeline il progetto di finanziare l’imprenditoria femminile, start-up innovative partendo da un plafond di 30 milioni di euro fornendo anche la consulenza necessaria”.

Banca Progetto, infatti, è stata la prima Banca, grazie alla partnership con Fidimed, ad erogare il ‘Microcredito di libertà’, un prestito con una durata di sette anni con tasso azzerato dall’intervento dell’Ente nazionale per il Microcredito, gestore di questo progetto sociale del Dipartimento Pari Opportunità in collaborazione con Caritas, Abi e Federcasse. Il microcredito imprenditoriale interviene in favore di donne vittime di violenza protette da centri antiviolenza in case rifugio e che, assistite da un tutor, presentano un progetto per avviare una propria impresa.

La Community milanese Inclusive Finance nasce grazie alla vision di due donne manager del mondo dell'asset management, Paule Ansoleaga Abascal e Simonetta Cristofari, Responsabile Sviluppo Italia di Crédit Mutuel Investment Managers, che sottolinea: “Se consideriamo il Global Gender Gap index Ranking 2023 l’Italia è ai piani bassi della classifica, al 79esimo posto a livello globale, ma se andiamo più nel dettaglio notiamo come nel nostro paese siano stati fatti enormi progressi negli ultimi anni nell’uguaglianza di genere: dal 2010 al 2020 in particolare l’Italia ha guadagnato ben 14,9 punti facendo un balzo in avanti importante nelle aree del potere sociale, economico, politico. Oggi siamo ancora due punti sotto il livello europeo ma l’Italia sta lavorando bene. Se poi passiamo alla percentuale di donne che rivestono il ruolo di fund manager l’Italia ha i numeri più alti, posizionandosi nella top five insieme a Spagna e Paesi dell’estremo Oriente. La strada è certamente ancora lunga perché le donne che gestiscono fondi sono ancora poche, a capo di asset minori rispetto agli uomini e a prodotti di nicchia ma il trend è chiaro”.

La community opera a supporto di tematiche di inclusione ed equità sociale. Dal luglio 2015, ha organizzato 23 eventi, coinvolgendo oltre 400 professionisti della finanza in rappresentanza di più di 50 istituzioni finanziarie. L’obiettivo di Inclusive Finance è quello di guidare un cambiamento concreto verso la parità di genere e creare un ecosistema inclusivo nel settore finanziario. Per fare questo, facilita il networking grazie a una rete solidale di professionisti per incoraggiare la condivisione di idee, aumentare la consapevolezza, incoraggiare una mentalità inclusiva, migliorare le condizioni lavorative e personali delle donne e di tutti quelli che si trovano in situazioni svantaggiate: “Dobbiamo constatare tuttora un tema di gender gap che si verifica già in fase di entry level, e ci sono ancora pochi role model femminili che esprimono un percorso vero di crescita manageriale - aggiunge Desirèe Scarabelli, Sales Director di Pictet Asset Management -. Ma più equità tra donne e uomini al comando si traduce in una maggiore disponibilità di competenze, nel miglioramento delle performance e in una positiva reputazione d'impresa. A livello di sistema, l'impatto è benefico per lo sviluppo sostenibile dei Paesi, come dimostrano recenti ricerche, un aumento più rapido dell’occupazione femminile farebbe crescere il Pil pro-capite europeo di 3 punti percentuali rispetto allo scenario attuale, entro il 2050”.

Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli