Francia: morto Jonathan Destin, adolescente cercò la morte vittima del bullismo scolastico

- di: Redazione
 
E' morto nel sonno, a 27 anni, nella casa della madre, Jonathan Destin, diventato in Francia un simbolo della lotta al bullismo scolastico, di quanto i ragazzi sappiano essere crudeli verso chi è più debole o meno forte di loro.
A darne notizia è stata la madre, che ha scelto Facebook. ''A tutti coloro che hanno conosciuto Jonathan, attraverso la sua storia, il suo libro, il suo film, nelle scuole, che un giorno lo hanno conosciuto, parlato con lui, voi che ci seguite da tanti anni, ho purtroppo una triste notizia da annunciare: Jonathan è morto sabato a casa mia nel sonno. È con il cuore lacerato che lo annuncio''.

Francia: è morto Jonathan Destin

La storia di Jonathan, delle angherie che aveva subito, di come nessuno avesse saputo tendergli la mano, era venuta alla luce quando nel febbraio 2011, appena sedicenne, il giovane aveva cercato di porre fine al suo calvario tentando di suicidarsi e di farlo con la volontà di non lasciarsi scampo: si era prima dato fuoco, dopo essersi cosparso di liquido infiammabile, per poi gettarsi nelle gelide acque del fiume Deûle.
Le fiamme aggredirono le sue carni, provocando gravissime ustioni nel 72 per cento della superficie corporea. I medici riuscirono a salvarlo tenendolo in coma artificiale per tre mesi e sottoponendolo ad una ventina di interventi.

Guarito, ma con il corpo segnato (i dolori non gli hanno mai dato tregua), nel 2013 volle raccontare in un libro, "Condemned to kill me", adattato in un film TV di TF1 nel 2018, i sei anni di angherie e molestie, subite in ambito scolastico.

''Più sensibilizziamo, più testimonianze ci sono, più aiuteremo a porre fine alle molestie. Il libro è stato come una prima terapia. Il film per la TV è stato il secondo. È costruttivo per me, purché io possa aiutare altre persone. È un'impresa ogni volta "
, spiegò Jonathan Destin nel corso di una intervista televisiva. Dall'uscita del libro e, quindi, del film Jonathan aveva moltiplicato gli interventi di sensibilizzazione nelle scuole. La polizia ha comunque aperto un'indagine per determinare le circostanze esatte della sua morte e probabilmente sarà necessaria un'autopsia.

Molte le dichiarazioni e i commenti alla notizia della morte del giovane. "Jonathan sempre eternamente al tuo fianco", ha reagito su Twitter il cantante del gruppo Indochine, Nicola Sirkis, che, con il giovane, nel 2019 aveva sponsorizzato un'importante campagna contro il bullismo scolastico in Francia.
“Jonathan Destin ha avuto il coraggio di mettere le parole dove la violenza e l'odio per il bullismo scolastico vogliono imporre il silenzio. Mi impegno a estendere la sua parola e il suo impegno a scuola ”, ha reagito su Twitter il ministro dell'Istruzione, Pap Ndiaye.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli