Clima: la Cina non costruirà più centrali a carbone all'estero

- di: Redazione
 
Per contribuire alla lotta al cambiamento climatico, la Cina non costruirà più, in futuro, nuove centrali elettriche a carbone all'estero. Lo ha annunciato il presidente cinese Xi Jinping nel suo discorso all'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.

"La Cina farà di più per aiutare altri Paesi in via di sviluppo a sviluppare energie verdi e a basse emissioni di carbonio e non a costruire nuove centrali elettriche a carbone all'estero", ha affermato Xi nel suo discorso video preregistrato.

Tuttavia, il presidente della Cina non ha fornito dettagli sull'attuazione di questo progetto. L'annuncio del presidente cinese segue passi simili intrapresi all'inizio dell'anno dalla Corea del Sud e dal Giappone per contrastare il cambiamento climatico.

La Cina non costruirà più nuove centrali a carbone all'estero

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres e il commissario americano per il clima, John Kerry, hanno invitato la Cina a seguire l'esempio dei suoi partner asiatici. Kerry ha accolto con favore l'annuncio di Xi, definendolo, in una dichiarazione, un "grande contributo": "Abbiamo parlato con la Cina su questo tema per un po' di tempo. Sono lieto di sentire che il presidente Xi ha preso questa importante decisione".

Guterres ha accolto con favore l'annuncio del presidente cinese sul carbone, così come la promessa del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, di volere lavorare con il Congresso per raddoppiare i finanziamenti per aiutare i Paesi in via di sviluppo a fare fronte ai cambiamenti climatici. L'obiettivo dell' Amministrazione americana è di portare la soglia dei finanziamenti a 11 miliardi e 400 milioni di dollari entro il 2024.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie