Borse: l'economia della Cina rallenta e penalizza i mercati asiatici

- di: Redazione
 
L'eco del rallentamento dell'economia cinese nel mese di aprile si è subito avvertita sui mercati asiatici, con le azioni che sono scese nella maggior parte delle borse dell'area (con Giacarta arretrata del 4%) , dove si sono fatti sentire anche i riflessi del generalizzato aumento dei tassi di interesse. È come se, ha commentato un analista, gli investitori stiamo prendendo consapevolezza che la situazione positiva che doveva seguire alla pandemia si sia trovata davanti ad una realtà in cui incidono profondamente il riproporsi di focolai di Covnd-19, insieme alla generalizzata inflazione e alla guerra in Ucraina.

Le Borse in Cina rallentano

L'indice giapponese Nikkei 225 ha perso il 2,2% negli scambi mattutini a 26.410,30. Il Kospi della Corea del Sud è sceso dello 0,9% a 2.621,24. L'S&P/ASX 200 australiano è sceso dell'1,3% a 7.110,50. Lo Shanghai Composite è sceso dello 0,1% a 3.001,62. I mercati di Hong Kong sono chiusi per una festa nazionale.

Venerdì le azioni hanno chiuso in ribasso a Wall Street con il quinto calo settimanale consecutivo del mercato. Le preoccupazioni sono sostenute dal fatto che, nonostante le forti tendenze occupazionali negli Stati Uniti, gli sforzi della Federal Reserve per domare l'inflazione aumentando i tassi di interesse potrebbero mandare l'economia americana in una recessione.

L'aumento mercoledì del tasso chiave a breve termine della Fed lo ha aumentato di 0,5 punti percentuali a un intervallo compreso tra lo 0,75% e l'1%, il livello più alto da quando la pandemia ha colpito due anni fa.
L'S&P 500 è sceso dello 0,6% a 4.123,34. Il Dow è sceso dello 0,3% a 32.899,37. Il Nasdaq ha ceduto l'1,4% a 12.144,66. Le aziende più piccole sono scese più del mercato più ampio. Il Russel 2000 è scivolato dell'1,7% a 1.839,56.

Il presidente della Fed Jerome Powell ha rassicurato gli investitori dicendo che la banca centrale non stava "considerando attivamente" un aumento ancora più grande di 0,75 punti percentuali alla sua prossima riunione.
Nel commercio di energia, il greggio statunitense di riferimento ha guadagnato 43 centesimi a 110,20 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Il Brent, base per il prezzo del petrolio per il commercio internazionale, è salito di 77 centesimi a 113,16 dollari al barile.
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli