Vertice tra Biden e Xi, America e Cina tornano a parlarsi

- di: Redazione
 
Dopo un anno, America e Cina, in occasione del vertice di San Francisco, sono tornate a parlarsi, dopo un ungo periodo caratterizzato da tensioni e frizioni tra i due Paesi.
L'incontro ha avuto come scenario, per motivi di sicurezza, non un palazzo istituzionale, ma un luogo privato – la storica Filoli Estate a Woodside, fuori San Francisco – e il sorriso reciproco e la stretta di mano sono sembrati di buon auspicio per il buon esito del vertice. Biden, quando le due delegazioni erano già intorno al grande tavolo dove si sarebbe poi sviluppato la discussione, ha detto di apprezzare ''la nostra conversazione perché penso che sia fondamentale comprenderci chiaramente, da leader a leader, senza malintesi o problemi di comunicazione'', ricordando in proposito le loro discussioni "dirette e franche" in passato.
"Non siamo sempre stati d'accordo, il che non è stata una sorpresa per nessuno, ma i nostri incontri sono sempre stati sinceri, diretti e utili. Non ho mai dubitato di quello che mi hai detto in termini di sincerità con cui parli", ha detto ancora il presidente americano, chiudendo il suo indirizzo di saluto rivolgendosi a Xi con un ''Bentornato".

Vertice tra Biden e Xi, America e Cina tornano a parlarsi

Da parte sua il presidente Xi ha detto che ''per due grandi paesi come la Cina e gli Stati Uniti, voltarsi le spalle a vicenda non è un'opzione". ''Non è realistico - ha detto ancora - che una parte rimodelli l'altra, e il conflitto e lo scontro hanno conseguenze insopportabili per entrambe le parti. È un fatto oggettivo che Cina e Stati Uniti siano diversi per storia, cultura, sistema sociale e percorsi di sviluppo. Tuttavia - ha proseguito - , finché si rispettano a vicenda, coesistono in pace e perseguono una cooperazione vantaggiosa per tutti, saranno pienamente in grado di superare le differenze e trovare il modo giusto affinché i due principali paesi possano andare d'accordo. Credo fermamente in un futuro promettente delle relazioni bilaterali."
"Non vedo l'ora di avere uno scambio di opinioni approfondito", ha detto ancora il presidente cinese.
Tra gli argomenti affrontati nel corso del vertice ci sono stati il dilagare negli Stati Uniti dell'oppioide sintetico Fentanyl (i cui componenti base, secondo gli investigatori americani, sono prodotti in Cina), che sta facendo strage di tossicodipendenti in tutti gli Stati Uniti; l' intelligenza artificiale, il cambiamento climatico. Ma soprattutto Medio Oriente e Taiwan sono stati tra gli argomenti approfonditi nel corso delle quattro ore dell'incontro di quattro ore.

Sul fentanyl, secondo quanto ha riferito un funzionario americano, Biden ha detto, rivolto a Xi, che si tratta di ''uno dei peggiori problemi di droga che gli Stati Uniti abbiano mai affrontato''. In proposito , ha detto ancora il funzionario, è stato elaborato un piano tra Stati Uniti e Cina per frenare le aziende cinesi che producono "precursori" del fentanyl e per limitare l'accesso alle forniture necessarie.
La stessa fonte, ai giornalisti, ha riferito che la Cina ha accettato una serie di passi che consentirebbero una migliore comunicazione sulle forze armate di ciascun Paese, compresi quelli che probabilmente saranno i contatti tra gli alti comandanti di entrambe le parti.

Il funzionario ha descritto l'incontro come più personale rispetto al precedente incontro tra i due leader, con tempo per ciascuno di loro di parlare dei propri coniugi. Taiwan, ha affermato il funzionario dell’amministrazione, è vista da Xi come potenzialmente la questione più grande e pericolosa che potrebbe minare le relazioni della Cina con gli Stati Uniti, poiché Pechino considera l'Isola come parte integrante del Paese, di cui però gli Stati Uniti vogliono mantenere lo status quo. Per questo ha chiesto alla Cina di rispettare il processo elettorale di Taiwan, ma Xi ha replicato dicendo che è necessaria una risoluzione più ampia.
Comunque, sempre secondo la fonte, Xi ha detto che la Cina non si sta preparando a invadere Taiwan nonostante i preparativi militari in corso.

Da parte loro, i delegati cinesi, nella loro lettura dell’incontro Xi-Biden, hanno affermato che Xi ha sottolineato che i due Paesi potrebbero perseguire la cooperazione per promuovere l’ordine globale, oppure potrebbero concentrarsi sui propri interessi rispetto all’altro.
Xi ha anche spiegato in dettaglio come vede lo sviluppo e la modernizzazione in corso in Cina. Secondo il rapporto cinese, i due Paesi dovrebbero concentrarsi sulla cooperazione e sulla gestione delle differenze piuttosto che cadere nel conflitto.

Xi ha comunque criticato quelli che ha definito gli sforzi degli Stati Uniti per sopprimere lo sviluppo cinese, anche attraverso restrizioni economiche.
In una conferenza stampa dopo l'incontro, Biden ha dichiarato di avere accolto ''con favore i passi positivi che abbiamo compiuto oggi. "Credo che siano alcune delle discussioni più costruttive e produttive che abbiamo avuto", ha detto.
Biden ha sottolineato come gli Stati Uniti e la Cina vogliano trovare aree in cui cooperare, pur sottolineando che permangono importanti differenze, ma l’obiettivo di entrambi i Paesi continua a essere quello di evitare un antagonismo totale.
"Penso di conoscere quest'uomo, di conoscere il suo modus operandi", ha detto Biden di Xi. "Abbiamo dei disaccordi, ha una visione diversa dalla mia su molte cose. Ma è stato sincero. Non dico come buono, cattivo o indifferente. È stato semplicemente sincero."
Biden ha anche affermato di non aspettarsi alcuna interferenza cinese nelle imminenti elezioni presidenziali di Taiwan, affermando che i due hanno discusso la questione mentre Xi stava lasciando il vertice.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli