Silicon Valley Bank, Biden parla agli americani: "Il nostro sistema bancario è sicuro"

- di: Redazione
 
Il presidente Joe Biden ha parlato questa mattina (ora di Washington) agli americani per rassicurarli che il sistema bancario statunitense è sicuro e che quindi, dopo che i regolatori federali sono intervenuti a seguito dei fallimenti della Silicon Valley Bank e della Signature Bank, non c'è bisogno di farsi prendere dal panico.
"Gli americani possono essere certi che il nostro sistema bancario è al sicuro. I vostri depositi sono al sicuro. Vi assicuro anche che non ci fermeremo a questo. Faremo tutto il necessario", ha detto Biden, parlando dalla Casa Bianca.

Silicon Valley Bank, Biden parla agli americani: "Il nostro sistema bancario è sicuro"

Il governo federale ha dichiarato domenica che tutti i depositanti presso la Silicon Valley Bank e la Signature Bank saranno protetti e potranno accedere ai loro soldi già da oggi, grazie al fondo speciale istituito dalle banche della nazione,
"Nessuna perdita sarà a carico dei contribuenti", ha ripetuto Biden, proseguendo: ''A causa delle azioni che i nostri regolatori hanno già intrapreso, ogni americano dovrebbe sentirsi sicuro che i propri depositi saranno lì se e quando ne avranno bisogno. In secondo luogo, la direzione di queste banche verrà licenziata. Se la banca viene rilevata dalla FDIC, le persone che gestiscono la banca non dovrebbero più lavorare lì".
Biden è stato poi inequivocabile quando ha affermato che ''gli investitori nelle banche non saranno protetti. Hanno preso consapevolmente un rischio, e quando il rischio non è stato ripagato, gli investitori perdono i loro soldi. Ecco come funziona il capitalismo'', dicendo anche che ''ci sono domande importanti su come queste banche sono entrate in questa concidizone. Dobbiamo ottenere un resoconto completo di ciò che è accaduto e del motivo per cui i responsabili possono essere ritenuti responsabili ".

Biden ha anche promesso che avrebbe agito per "ridurre i rischi che ciò accada di nuovo", puntando il dito contro l'amministrazione Trump, colpevole, secondo il presidente, di avere annullato alcuni dei requisiti che l'amministrazione Obama ha messo in atto durante la loro amministrazione. "Sfortunatamente, l'ultima amministrazione ha annullato alcuni di questi requisiti. Chiederò al Congresso e alle autorità di regolamentazione bancaria di rafforzare le regole per le banche, per rendere meno probabile che questo tipo di fallimento bancario si ripeta e per proteggere i posti di lavoro americani e piccole imprese".
I suoi odierni hanno fatto eco a quanto aveva affermato ieri in una dichiarazione: "Sono lieto che abbiano raggiunto una soluzione tempestiva che protegga i lavoratori americani e le piccole imprese e mantenga il nostro sistema finanziario al sicuro. La soluzione garantisce inoltre che i dollari dei contribuenti non siano messi a rischio".

"Il popolo americano e le imprese americane possono avere fiducia che i loro depositi bancari saranno lì quando ne avranno bisogno. Sono fermamente impegnato a ritenere pienamente responsabili i responsabili di questo pasticcio e a continuare i nostri sforzi per rafforzare la supervisione e la regolamentazione delle banche più grandi in modo che non siamo di nuovo in questa posizione", ha detto.
I suoi commenti sono arrivati poco prima dell'apertura dei mercati e delle banche statunitensi e prima di partire per un viaggio precedentemente programmato in California. Il presidente non ha accettato domande.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli