Aborto: ridotto a stato laicale sacerdote americano pro-Trump per 'comunicazioni blasfeme'

- di: Redazione
 
Il sacerdote americano Frank Pavone è stato sospeso per le sue posizioni integraliste contro l'aborto che lo hanno portato a fare "comunicazioni blasfeme sui social media" e per "persistente disobbedienza" del suo vescovo, che gli ha ripetutamente detto di interrompere il suo attivismo partigiano per Donald Trump. In una lettera, inviata ai vescovi statunitensi dal nunzio apostolico negli Stati Uniti, l'arcivescovo Christophe Pierre, si afferma che la decisione contro Pavone, che guida il gruppo anti-aborto Priests for Life, è stata presa il 9 novembre, e che non c'era possibilità di ricorso. Pavone è in conflitto da oltre un decennio con il vescovo di Amarillo, in Texas, per le sue attività politiche a favore della vita, culminate nel 2016 quando ha deposto un feto abortito su un altare e ne ha pubblicato un video su due siti di social media.

Aborto: ridotto a stato laicale sacerdote americano pro-Trump

In un post su Facebook, Pavone dichiarò, riferendosi all'esibizione del feto: "Te lo mostro perché in queste elezioni dobbiamo decidere se consentire o meno che questo omicidio di bambini continui in America. Hillary Clinton e la piattaforma democratica dicono di sì, che le uccisioni continuino (e tu paghi per questo); Donald Trump e la piattaforma repubblicana dicono di no, il bambino dovrebbe essere protetto".
Pavone è rimasto un fermo sostenitore di Trump e nel 2020 ha contestato l'esito delle elezioni vinte da Joe Biden. Prima delle elezioni, la diocesi di Amarillo ha denunciato l'uso dei social media da parte di Pavone per fini politici, sostenendo che le sue posizioni non erano coerenti con l'insegnamento cattolico. Pavone si è trasferito da Amarillo a Colorado Springs, in Colorado. Il suo profilo su Twitter lo mostra ancora con indosso un cappello "MAGA" - usato dai sostenitori del tycoon durante la campagna elettorale - con una foto di sfondo dell'ex presidente Trump, elogiato da molti conservatori per i suoi candidati alla Corte Suprema che hanno contribuito a rovesciare il diritto costituzionale all'aborto negli Stati Uniti.

In un tweet di domenica, Pavone ha suonato provocatorio, paragonando il suo destino a quello del nascituro. ''Ciao amici… Quindi in ogni professione, compreso il sacerdozio, se difendete i nascituri , verrete trattati come loro!L'unica differenza è che, quando veniamo "abortiti", continuiamo a parlare forte e chiaro''.

In seguito è apparso in un video sui social media indossando una giacca da motociclista di pelle nera sopra il colletto sacerdotale sullo sfondo finto della Basilica di San Pietro, giurando che la "guerra" contro l'aborto sarebbe continuata e denunciando la "cultura dell'annullamento" della Chiesa che, ha detto, lo ha perseguitato per decenni.
In una dichiarazione sul suo sito web Priest For Life, ha affermato che la sua laicizzazione è stata "il risultato di un processo abusivo" e che stava valutando un'azione legale non specificata contro anonimi vescovi statunitensi.
I suoi sostenitori hanno immediatamente denunciato la deposizione, compreso il vescovo di Tyler, in Texas, Joseph Strickland, che ha definito "il male" il sostegno del presidente degli Stati Uniti Joe Biden al diritto all'aborto.

"La bestemmia è che questo santo sacerdote viene cancellato mentre un presidente malvagio promuove la negazione della verità e l'assassinio del nascituro ad ogni turno, i funzionari vaticani promuovono l'immoralità e la negazione del deposito della fede e i preti promuovono la confusione di genere devastando vite... il male", ha twittato Strickland.
Nella sua lettera, l'arcivescovo Pierre afferma che a Pavone è stata data "ampia opportunità di difendersi" e di sottomettersi al suo vescovo. "È stato stabilito che padre Pavone non aveva alcuna ragionevole giustificazione per le sue azioni". La dichiarazione concludeva che, poiché Priests for Life non è un'organizzazione cattolica, spetterebbe al gruppo determinare se potesse continuare il suo ruolo "come laico".
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli