A tu per tu con Tiziano e con un Picasso mai visto: la grande arte del weekend

- di: Samantha De Martin
 
Lo sfaccettato universo creativo di Picasso fa tappa a Roma. Palazzo Rhinoceros, sede della Fondazione Alda Fendi – Esperimenti si prepara ad accogliere il dipinto Le peintre et son modèle en plein air dalla collezione Intesa Sanpaolo Gallerie d’Italia di Milano, mai esposto nella capitale e solitamente non visibile al pubblico. È solo uno dei tanti appuntamenti con l’agenda dell’arte in questo caldo weekend di giugno. Ecco le altre mostre da non perdere.

A tu per tu con il Polittico Averoldi di Tiziano

Fin da quando la Collegiata dei Santi Nazaro e Celso venne riqualificata, a partire dalla metà del Settecento, il Polittico Averoldi - firmato e datato “Ticianvs Faciebat / MDXXII”, composto da cinque pannelli dipinti a olio su tavola e inamovibile a causa della sua fragilità - è visibile solo dal basso e da una certa distanza. Adesso, fino al 3 luglio, grazie all’iniziativa “A tu per tu con Tiziano”, ideata e curata da Davide Dotti, si potrà scrutare per la prima volta da una prospettiva inedita, a soli due metri e mezzo di distanza, il celebre capolavoro dipinto da Tiziano nel 1522, per apprezzarne la straordinaria bellezza. La data apposta dal maestro sul rocchio di colonna sul quale San Sebastiano poggia il piede destro, il corpo atletico del Redentore, la dolcezza del profilo della Vergine, i boccoli dorati che incorniciano il volto dell'angelo annunciante e i numerosi pentimenti saranno finalmente visibili al pubblico.
Grazie a una struttura allestita nel presbiterio della chiesa i visitatori potranno salire a sette metri di altezza per ritrovarsi a tu per tu con il capolavoro del maestro cadorino, considerato dalla critica una delle pietre miliari del Rinascimento.

Ligabue in mostra ad Asiago

Fino al 30 ottobre il Museo Le carceri di Asiago ospita la mostra Ligabue. Un altro mondo, un percorso a cura di Marzio Dall’Acqua e Vittorio Sgarbi. Oltre 70 tele raccontano l’universo visionario di un uomo che ha trovato nell’arte l’antidoto alla sua drammatica esistenza. Sculture, disegni, dipinti, capolavori come Pascolo montano del 1928, Gattopardo con teschio del 1933, Diligenze con castello del 1952, Tigre assalita dal serpente del 1953 traducono in visioni l’inquietudine di un genio sempre in evoluzione, la ricerca appassionata del maestro, allagata da colori violenti e al tempo stesso armonici, dominata da tigri dalle fauci spalancate, serpenti, rapaci in lotta per la sopravvivenza, leoni mostruosi. Rappresentata da campi, foreste, pianure, la natura dipinta da Ligabue è il teatro di una violenza implacabile, mentre è negli autoritratti che l’artista riversa il proprio dolore esistenziale.

Da Tex a Dylan Dog, 80 anni di storie a fumetti

Ricordate Tex Willer, Zagor, Mister No, Martin Mystère, Dylan Dog? Questi intramontabili personaggi dell’infanzia di molti, entrati nell'immaginario collettivo grazie al nome della casa editrice Bonelli, da sempre sinonimo di avventura, dalle pagine dei fumetti si trasferiscono adesso al museo degli Innocenti di Firenze. Fino al 18 settembre saranno protagonisti della nuova mostra dedicata alla più famosa tra le case editrici italiane che hanno fatto la storia del fumetto. Il percorso BONELLI STORY. Da Tex a Dylan Dog, da Zagor a Dragonero. 80 anni di storie a fumetti - un progetto di Sergio Bonelli Editore e Comicon, in collaborazione con ARF! - attraverso tavole originali, illustrazioni, allestimenti multimediali, materiali inediti ripercorre cronologicamente la storia degli eroi e delle pubblicazioni Bonelli. Sarà un’occasione per ammirare in anteprima assoluta un assaggio delle storie di prossima uscita in libreria e in edicola, insieme ai progetti multimediali presto al cinema e in tv. Da non perdere il video che accompagna i visitatori dietro le quinte della creazione di un fumetto Bonelli, raccontato attraverso le parole degli autori e dei redattori di via Buonarroti.

Un Picasso mai visto nel cuore di Roma

Una giovane donna che va, una modella che viene. Dal 10 giugno al 16 ottobre Palazzo Rhinoceros, sede della Fondazione Alda Fendi-Esperimenti, accoglierà Le peintre et son modèle en plein air di Pablo Picasso dalla collezione Intesa Sanpaolo Gallerie d’Italia di Milano. L’opera, in mostra a Roma per la prima volta, sarà il fulcro del percorso intitolato Picasso va, Picasso arriva. Dopo la visita della Giovane donna del 1909, in prestito dall’Ermitage, un dipinto del 1963 mai esposto nella capitale e solitamente non visibile al pubblico si prepara a incantare la città eterna. All’interno dell’architettura firmata da Jean Nouvel Le peintre et son modèle en plein air diventa il fulcro di un’installazione teatrale costruita intorno alle mille sfaccettature dell’universo picassiano. A tracciare la linea artistica di questo percorso avvolgente è Fondazione Alda Fendi – Esperimenti, con Raffaele Curi.

Nella foto: A tu per tu con Tiziano, Chiesa dei Santi Nazaro e Celso di Brescia, 28 maggio – 3 luglio 
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli