KPI6 - Dati e insights per la digital consumer market research

- di: Redazione
 
“A fast-growing company, always thirsty for innovation”: è così che KPI6 ama definirsi. Una continua sete di innovazione, di scoperta tecnologica e di scalare le vette più alte, che ha portato la PMI innovativa a bruciare le tappe e crescere in pochi anni, imponendosi nel mercato Saas. Nata dal programma di accelerazione di LVenture Group a Roma, in breve tempo KPI6 si è estesa su tutto il territorio, basandosi principalmente tra Milano e Reggio Emilia. Tutto è iniziato più di 5 anni fa da un forte impulso al cambiamento. Il mercato della comunicazione e del marketing stava evolvendo e prendendo esempio dai principali competitors nella digital market research, Alberto Nasciuti, CEO di KPI6, ha deciso di iniziare senza paura una nuova sfida: “Ci siamo rimessi in gioco da zero, siamo stati scelti da LUISS EnLabs, il programma di accelerazione di LVenture ed è qui che è iniziata la nostra scommessa. Da quel giorno il processo di Ricerca e Sviluppo per migliorare il prodotto non si è mai fermato, grazie ad un team pronto e dedicato, che ha fatto sì che la pandemia non ci facesse trovare impreparati”. KPI6 oggi offre una suite di strumenti capaci di migliorare e velocizzare i processi di ricerca di mercato, in un modo totalmente nuovo. “Abbiamo creato un SaaS che brand, centrali media, agency e grandi corporate utilizzano in modo autonomo per ottenere più informazioni sul mercato (come metriche, trend, dati ed opinioni) e soprattutto sul proprio cliente e sui competitors: una vera e propria ricerca di mercato in tempo reale ed in continua evoluzione. Tramite una combinazione di dati provenienti da varie sorgenti di dati, brevetti e dataset proprietari molto vasti, riusciamo a trasformare processi lenti e inaffidabili in ricerche standard e veloci”.

Il problema che KPI6 vuole risolvere è la complessità sempre più alta del mercato e dei clienti. Trend, caratteristiche ed abitudini di consumo dei clienti, oggi cambiano molto rapidamente: questa complessità porta le aziende a investire sempre di più in strumenti di ricerca (oggi più di 80 miliardi di dollari l’anno), ma con un ritorno sull’investimento che si assottiglia sempre di più e che peggiorerà a causa delle nuove sfide introdotte dal “new normal” e dal profondo cambiamento innescato dal Covid-19. Il Coronavirus ha cambiato, e continua a cambiare, profondamente gli utenti ed i Brand hanno la necessità di capire le nuove abitudini e le nuove tendenze. Gli strumenti di ricerca tradizionale, come panel e survey, riescono a rispondere soltanto parzialmente al bisogno di informazioni che oggi è tipico di qualsiasi brand o società che opera nel mercato B2C. KPI6 permette di rispondere alle domande più comuni nel mondo della market research, ma in modo autonomo, in tempo reale e non sollecitato.

La piattaforma, infatti, utilizza e aggrega dati obblici e fornisce informazioni immediatamente azionabili. Rispetto alla metodologia tradizionale, inoltre, Kpi6 riesce a superare problematiche quali la numerosità del campione, i più tipici “bias” come la desiderabilità sociale e la natura statica del dato, che invece in Kpi6 è dinamico e si aggiorna continuamente, fornendo una panoramica fedele del mercato. L’ascesa della PMI innovativa non è stata intaccata dall’arrivo della pandemia nel 2020. Nell’ultimo anno KPI6 ha raggiunto il product-market fit, riuscendo a portare avanti i primi grandi accordi internazionali (come Coca Cola e Havas Media), raddoppiando l’MRR e chiudendo contratti con colossi come Avvera, ed importanti accordi con una delle big four del consulting come PWC Italia, con cui l’azienda sta creando degli indici per consumatori, cittadini e comprensione aziendale in questa fase di New Normal. KPI6 si inserisce come industry all’interno del settore delle ricer che di mercato, uno dei più cruciali nel mondo B2B. Il campo digitale è in costante crescita poiché oggigiorno le piattaforme di analisi stanno diventando una risorsa sempre più essenziale per le aziende. Nessuna azienda al mondo è oggi in grado di operare senza fare affidamento sui dati.

L’industry del Research & Data ha infatti un valore di 80 miliardi di dollari, più specificatamente, il settore del Data Analytics & Insights un valore di 33 miliardi di dollari, con un tasso annuo di crescita superiore al +10%. E come si posiziona KPI6 all’interno di questo scenario? I numeri del 2020 sono sicuramente incoraggianti: il valore ricorrente mensile creato ha superato i 100 mila euro (in crescita del 67%), il valore medio per cliente è superiore ai 2.000 euro (in crescita di circa il 3%) mentre il margine lordo ha avuto un incremento superiore al 90%. “Le metriche parlano un po’ da sole. Di sicuro per noi queste sono il centro delle nostre operation, e lavoriamo per incrementare in particolar modo il MRR. Abbiamo avuto grandi risultati e soddisfazioni nell’ultimo periodo. Questo è il classico esempio di quanto ci sia bisogno di capire il mercato in tempo reale, tant’è che la necessità delle informazioni che forniamo noi è aumentata notevolmente. Il nostro volume d’affari è incrementato e in pochi mesi abbiamo praticamente raddoppiato il nostro MRR, ma non solo”, afferma Alberto Nasciuti. KPI6 continua il suo percorso di innovazione aggiungendo un nuovo importante prodotto: AffiniTV, la nuova soluzione di targeting contestuale sviluppata per creare un prodotto media sia per la televisione che per la pubblicità digitale.

Nell’ultimo anno KPI6 si è evoluto, abbracciando a pieno il concetto di consumer intelligence digitale e ricerche di mercato, trasformandosi da piattaforma a suite di prodotti in grado di soddisfare ciascuno un diverso caso d’uso: dalla brand reputation alla audience analysis. AffiniTV aiuterà brand, editori e media agency a posizionare al meglio i propri prodotti all’interno dei palinsesti televisivi. “Quello che vorremmo fare con AffiniTV è proporre un’analisi contestuale del target per la pianificazione pubblicitaria in TV, creando un indice di affinità che sarà anche un indice di sicurezza che farà in modo che tutti gli annunci appaiano solo in un contesto positivo e sicuro per la marca. AffiniTV potrebbe essere un’opportunità versatile sia per chi vuole posizionare i propri prodotti all’interno di una nicchia di utenti, sia per chi si occupa di pubblicare contenuti editoriali e per le agenzie di media”, spiega Alberto Nasciuti. Tra i grandi obiettivi futuri dell’azienda sicuramente vi è quello di valicare il Belpaese, andare oltre i Pirenei, attraversare l’oceano ed arrivare negli States. Se KPI6 è già presente nel panorama europeo grazie a partnership e collaborazioni con importanti aziende spagnole e francesi, tra gli obiettivi a breve termine vi è sicuramente quello di iniziare ad occupare il mercato statunitense, processo già iniziato con la presenza di due persone del team (una a San Francisco e una a New York) che lavorano da remoto in stretto contatto con la squadra italiana. “Per questo 2021 continueremo a perseguire l’obiettivo di poter fornire ai nostri clienti i migliori strumenti per poter capire ed affrontare il new normal, non facendoci mai spaventare da come si potrà modificare il contesto intorno a noi, affidandoci sempre al indiscutibile potere dei dati!... in Data we Trust!”, conclude Alberto Nasciuti.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie