IPO: volumi globali in forte calo nel primo trimestre 2022 . Italia stabile

- di: Barbara Leone
 
La volatilità dei mercati frena le Ipo (offerte pubbliche iniziali). E’ quanto emerge da un’analisi condotta da EY, società leader mondiale nei servizi professionali di revisione e organizzazione contabile, assistenza fiscale e legale, transaction e consulenza. E dire che l’anno era cominciato decisamente bene, proseguendo lo slancio del quarto trimestre 2021. Addirittura con un gennaio da record, che ha visto i livelli di proventi di Ipo più elevati registrati in 21 anni. Tuttavia, nella seconda metà del trimestre i cali del mercato azionario mondiale hanno spostato drasticamente la traiettoria nella direzione opposta, provocando una significativa riduzione dell’attività complessiva. Secondo i dati EY, infatti, i volumi delle Ipo globali del primo trimestre 2022 sono scesi del 37%, con un calo dei proventi del 51% rispetto all’anno precedente. Nello specifico, per il Q1 2022 il mercato globale delle Ipo ha visto 321 operazioni che hanno raccolto 54,4 miliardi di dollari di proventi.

“Era ipotizzabile - ha commentato Paolo Aimino, Ipo e Capital Markets Leader di EY in Italia - una diminuzione dell’attività di Ipo rispetto alla forte crescita registrata nel 2021 e nel primo trimestre del 2021, anche perché quest’ultimo era stato il più attivo degli ultimi 21 anni. Le incertezze legate alle tensioni geopolitiche ed economiche hanno avuto un impatto sui mercati dei capitali creando volatilità. In questo contesto di incertezza - ha aggiunto Aimino -, sarà quindi fondamentale per le aziende candidate all’Ipo rivedere attentamente e adeguatamente i propri modelli di business ed essere resilienti, agili e preparate per affrontare nuove sfide e opportunità”. Un’inversione di tendenza che, sottolinea la nota di EY, può essere attribuita a molteplici ragioni. Come ad esempio l’aumento delle tensioni geopolitiche, la volatilità del mercato azionario, le crescenti preoccupazioni legate all’aumento dei prezzi delle materie prime e dell’energia, l’impatto dell’inflazione, i potenziali aumenti dei tassi di interesse nonché i rischi legati alla pandemia Covid-19. Tutti fattori che costituiscono un eventuale freno per una completa ripresa economica a livello mondiale. 

EY, i volumi delle IPO globali del 1° trimestre 2022 sono scesi del 37%


Dall’analisi EY emerge anche che, in linea col forte calo dell’attività globale di Ipo, si è rilevato un notevole calo delle Ipo cross-border, unicorn, mega (proventi superiori a 1 miliardo di dollari) e Spac. E che si sono verificati anche dei lanci di Ipo rinviati a causa dell’incertezza e dell’instabilità del mercato. A livello geografico, poi, i dati evidenziano come nel primo trimestre del 2022 l’attività di Ipo sul continente americano abbia completato 37 operazioni raccogliendo 2,4 miliardi di dollari di proventi, che equivale ad un -72% per quanto riguarda il numero di operazioni e -95% dei proventi su base annua. Il mercato asiatico ha registrato 188 Ipo che hanno raccolto 42,7 miliardi di dollari di proventi (-16 e +18%) mentre in Europa i due dati si sono attestati a 96 ed a 9,3 miliardi (-38 e -68%). Per quanto riguarda il mercato italiano, nel primo trimestre del 2022 l’attività di Ipo ha registrato  5 operazioni (che è lo stesso numero rispetto al primo trimestre 2021), con una raccolta di 0,9 miliardi di dollari di proventi ed una significativa crescita rispetto al primo trimestre 2021 (circa + 600%) grazie ad una specifica operazione conclusasi nel periodo.

Difficile fare previsioni a lungo termine. Sicuramente a causa del periodo di elevata incertezza il mercato rimarrà volatile con un portafoglio di candidati Ipo e una lista di potenziali operazioni che continueranno a crescere. Con le incertezze attuali, l’inflazione e gli aumenti dei tassi di interesse, le società che considerano l’Ipo saranno dunque chiamate a riconsiderare come queste sfide influenzeranno i loro mercati e le loro attività.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli