Deloitte: con il Pnrr le imprese italiane possono diventare più attrattive per gli investimenti esteri

- di: Barbara Leone
 
Il potenziale attrattivo dell’Italia verso gli investitori esteri ha sempre rappresentato un grosso problema per il nostro Paese. Burocrazia, lungaggini e ostacoli vari non fanno che scoraggiare gli imprenditori stranieri ai cui occhi il sistema-Italia appare troppo confuso e complicato. Come si dice, il gioco non vale la candela. Anche se però in tempi più recenti c’è stata una certa inversione di rotta che ha visto crescere, anche se non esponenzialmente, il numero degli investitori esteri nel nostro Paese. Secondo uno studio di Deloitte, che è una delle più grandi realtà nei servizi professionali alle imprese in Italia, negli ultimi anni c’è stata una crescita nel rapporto tra Investimenti Diretti Esteri in entrata e Pil. Ma è con il Pnrr che si può fare il vero passo in avanti per colmare il gap di attrattività rispetto alle altre principali economie europee. La ricerca, curata dal partner di Deloitte Marco Vulpiani, si intitola “L’attrattività del sistema Italia per le imprese estere: opportunità e prospettive del Pnrr” ed è stata presentata oggi a Roma in occasione dell’inaugurazione della cattedra congiunta Deloitte-Luiss presso il campus dell’Università intitolata a Guido Carli. La Chair in International Management and Global Challenges sarà tenuta dal Prof. Antonio Majocchi, Ordinario di Management delle Imprese Internazionali presso il Dipartimento di Impresa e Management dell’Ateneo.
 
“L’Italia - afferma Fabio Pompei, Ceo di Deloitte Central Mediterranean -  non è mai stata in cima alla classifica dei Paesi più attrattivi per gli investimenti delle imprese estere, ma con il Pnrr abbiamo un’occasione storica per invertire questo trend e rendere più attrattivo tutto il nostro tessuto economico. Per contrastare le criticità ancora esistenti e valorizzare le capacità attrattive del nostro Paese, dunque, è d’obbligo una riflessione sull'importanza dell’opportunità fornita dal Pnrr. In un contesto come quello attuale, infatti, la tempestiva ed efficace implementazione del Pnrr rappresenta un’occasione irrinunciabile per dare impulso al nostro sistema produttivo e migliorare l’attrattività verso investimenti internazionali”.
“Se prendiamo le principali economie europee - spiega Marco Vulpiani di Deloitte presentando lo studio - l'Italia è il Paese con il valore medio più basso in termini di flussi di Investimenti Diretti Esteri (Ide) in percentuale al Pil (25% nel 2020 verso una media area Euro del 77%). Questo comporta che, in termini di attrattività complessiva degli investimenti esteri, l'Italia anche se si colloca al nono posto rispetto ai Paesi G20 è all’ultimo posto delle principali economie europee, mostrando una particolare debolezza nel sistema fiscale e nella disponibilità di infrastrutture. A queste si aggiungono lentezze burocratiche che rendono l’Italia meno competitiva nell’attrarre investimenti internazionali e domestici”. Nell’analisi sono state esaminate ulteriori criticità note del sistema Italia. “Secondo i dati Ocse - evidenzia Vulpiani - nel 2020 il gettito fiscale complessivo ammontava a circa il 43% del Pil, inferiore solo alla Francia rispetto alle altre grandi economie europee. A ciò si aggiunge che i livelli di evasione fiscale e di corruzione sono tra i più alti in Europa. In termini di Corruption Perception Index l’Italia è infatti alla peggiore posizione tra le grandi economie Europee. Anche in termini di stabilità politica l’Italia è agli ultimi posti in Europa, collocandosi alla 31 posizione su 45 in Europa”.

Nonostante ciò, si legge nello studio, in termini di stock si rileva una crescita negli ultimi anni nel rapporto tra Investimenti Diretti Esteri in entrata e Pil, in linea con il trend europeo. Inoltre, emerge che il valore creato dalle multinazionali in Italia, in termini di valore aggiunto realizzato e di investimenti diretti esteri in entrata, sia cresciuto significativamente nel tempo. Il contributo fornito dalle imprese a controllo estero operanti in Italia in termini di valore aggiunto è cresciuto in media di circa il 2,4% per anno negli ultimi 10 anni. “Questi dati sono particolarmente importanti - sottolinea ancora Vulpiani - specie se si considera che le nostre analisi mostrano chiaramente l’esistenza di una relazione positiva tra il flusso di investimenti esteri e le performance economiche e di crescita dei Paesi nelle principali economie europee. Quanto alle cause del ritardo italiano, possiamo dire che sono ancora diverse le criticità di cui soffre il nostro sistema produttivo, ma tra questi è importante sottolineare il tema della bassa produttività, delle limitate infrastrutture e delle poche risorse destinate alla Ricerca e Sviluppo. In particolare, se consideriamo le principali economie europee, l'Italia è quella che presenta il più ampio gap fra investimenti infrastrutturali correnti e fabbisogno di investimenti. Un gap - conclude Vulpiani - che è quasi del tutto ascrivibile al settore delle infrastrutture dei trasporti. Relativamente alla produttività, le nostre analisi mostrano l’esistenza di una relazione positiva tra la produttività per ora lavorata e gli investimenti fissi nelle principali economie europee”.

A dispetto di questo gap, sottolinea ancora il Ceo di Deloitte Italia, sono numerosi gli ambiti strategici in cui il nostro Paese può vantare importanti risultati, come il design, le imprese culturali, l’energia e i prodotti green. “Inoltre - aggiunge Fabio Pompei -, come già sapevamo, lo studio evidenzia la grande capacità di innovare delle imprese italiane quando consideriamo le innovazioni di prodotto o di processo e l’offerta di prodotti green tecnologicamente avanzati. Infine, considerando le scelte di programmazione economica delle multinazionali estere, rivestono particolare importanza la presenza di conoscenze o competenze tecniche specializzate della forza lavoro e la capacità manageriale e di adattamento al cambiamento. Caratteristiche - conclude Pompei - su cui dobbiamo puntare e investire sempre di più come sistema-Paese ed anche per questo siamo fortemente impegnati nel promuovere l'importanza delle competenze Stem per i giovani e le future generazioni”.
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie