Usa, Fed: "Dati disoccupazione spingono a riduzione aiuti all'economia"

- di: Brian Green
 
La disoccupazione negli Stati Uniti è sufficientemente ridotta - con la creazione di quasi un milione di nuovi posti di lavoro nelle scorse settimane - al punto da fare ritenere alla Federal Reserve che già da quest'anno sia possibile ridurre il massiccio sostegno all'economia messo in atto dall'insorgere della pandemia di Covid-19.

Il giudizio è del presidente della Fed, Jerome Powell, che ha detto anche di non temere che la variante Delta del coronavirus possa interrompere la ripresa dell'economia nazionale.
Powell (definito politicamente un ''repubblica moderato'') ritiene, poi, che l'inflazione che sta vivendo gli Stati Uniti sia temporanea e, per questo, non pensa affatto - come pure ipotizzato da più d'un analista come imminente - ad alzare i tassi di riferimento della banca centrale, per non interrompere la ripresa che marcia a ritmi elevati.

Il presidente della Federal Reserve ha espresso le sue linee di indirizzo nel corso di un intervento - molto atteso - al tradizionale appuntamento del forum economico di Jackson Hole, nel Wyoming, che si è tenuto a distanza a causa della pandemia.
Un messaggio misurato, quello di Jerome Powell, che ha soddisfatto i mercati finanziari. Il massimo esponente della Federal Reserve ha quindi chiarito che la banca ridurrà gli acquisti di titoli destinati a sostenere l'economia entro la fine del 2021.

"Abbiamo detto che continueremo i nostri acquisti di asset al ritmo attuale fino a quando non vedremo ulteriori progressi sostanziali verso i nostri obiettivi di massima occupazione e stabilità dei prezzi", ha affermato Powell, ritenendo eccellenti i dati sulla disoccupazione di luglio (943.000 posti di lavoro creati). "Ci sono stati chiari progressi verso la piena occupazione. A luglio" - ha spiegato - "ero dell'opinione che, se l'economia stava andando ampiamente come previsto, sarebbe stato opportuno iniziare a ridurre il ritmo degli acquisti di attività quest'anno", precisando comunque che questa riduzione sarà da "applicare con delicatezza" per non far crollare i mercati.
  • Nessun record presente in archivio
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli