Tesla: dopo incidente mortale, scattano verifiche su sistema guida autonoma

- di: Brian Green
 
Com'era scontato, la notizia dell'incidente mortale in cui è rimasta coinvolta un'autovettura Tesla - e che ha causato la morte sul colpo di due giovani - ha avuto immediate ripercussioni a Wall Street dove l'azienda di Elon Musk ha perso il 3,7% del suo valore azionario. Comunque, per capire quali siano state le esatte cause dell'incidente sono già al lavoro due agenzie americane per la sicurezza dei trasporti. Il veicolo stava viaggiando ad alta velocità , vicino a Houston, quando, sabato sera, si è schiantato contro un albero, prendendo fuoco e finendo per essere completamente distrutto. Stando ai primi rilievi della polizia della contea di Harris, nel momento dell'incidente non c'era nessuno alla guida. Secondo un funzionario della polizia, i primi agenti intervenuti sul luogo dell'incidente hanno hanno trovato nell'abitacolo della Tesla due cadaveri, uno sul sedile posteriore, l'altro sui quello del passeggero.

L'agenzia statunitense per la sicurezza stradale, NHTSA, "ha immediatamente avviato una squadra investigativa speciale", aggiungendo, in una nota, di stare "attivamente discutendo con le forze dell'ordine locali e Tesla per saperne di più sui dettagli dell'incidente". Sulla scorta delle indagini, saranno adottate "le misure appropriate".
Da parte sua, l'Ufficio nazionale dei trasporti e della sicurezza degli Stati Uniti (NTSB), ha inviato due investigatori che "si concentreranno sul funzionamento del veicolo e sul fuoco che ha seguito la collisione".
Le circostanze dell'incidente hanno provocato molte reazioni, rilanciando il dibattito sulle capacità di semi-autonomia esistenti in Tesla, ovvero il software Autopilot, che permette alla vettura di parcheggiare "da sola" o di adattare la navigazione in autostrada. Alcune persone possono acquistare una versione più costosa, chiamata "FSD" per la guida completamente autonoma , anche se il conducente non dovrebbe mai lasciare il volante.

"In questa fase, i dati di guida raccolti mostrano che l'autopilota non è stato attivato e che questa macchina non aveva acquistato l'FSD", ha affermato su Twitter Elon Musk. "Inoltre, l'autopilota standard necessita di linee di demarcazione della corsia sulla strada per essere attivato e questa strada non ne aveva", ha aggiunto, rispondendo a un articolo del Wall Street Journal che menzionava che molti esperti hanno dubbi sull'aggiunta di queste caratteristiche potenzialmente rischiose con nomi fuorvianti.
Sul suo sito web, Tesla avverte che i sistemi di assistenza alla guida non rendono il veicolo autonomo e che è ancora necessaria la supervisione attiva di un guidatore. Tuttavia, Elon Musk loda regolarmente i progressi compiuti dal suo gruppo nelle tecnologie di assistenza alla guida.
  • Nessun record presente in archivio
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli