Sanità: impiantato per la prima volta (a Napoli) un cuore artificiale totale prodotto in Francia

- di: Jean Aroche
 
L'azienda francese Carmat ha annunciato oggi di avere commercializzato per la prima volta il suo cuore artificiale totale, con il marchio Aeson, che è stato impiantato all'ospedale Monaldi di Napoli su un paziente in attesa di trapianto cardiaco.

Si tratta, si legge in un comunicato, della prima vendita dell'azienda dalla sua creazione, nel 2008. Il cuore artificiale è destinato ai pazienti affetti da insufficienza biventricolare terminale.
L'operazione è stata "eseguita dall'equipe del dottor Ciro Maiello, cardiochirurgo presso il polo ospedaliero di Napoli, uno dei centri con la maggiore esperienza nel cuore artificiale in Italia", afferma l'azienda francese nel comunicato . Per Carmat, l'installazione rappresenta "un passo importante, che apre una nuova pagina nello sviluppo dell'azienda" .

Nel dicembre 2020 Carmat ha ottenuto la marcatura CE in Europa, segno della sua conformità ai requisiti delle normative comunitarie dell'Unione Europea. Questo indicatore gli ha dato il via libera alla vendita del cuore artificiale in Europa, come ponte verso il trapianto per i pazienti in attesa di trapianto. Il 15 luglio, l'azienda francese di tecnologia medica ha annunciato di aver impiantato, per la prima volta, negli Stati Uniti, un cuore artificiale totale, nell'ambito di uno studio clinico condotto nell'ambito del Duke University Hospital, a Durham, nel nord Carolina, uno dei centri di eccellenza per la cardiochirurgia negli Stati Uniti e uno dei quattro selezionati da Carmat, dopo il via libera della Food and Frug Administration. Dieci pazienti eleggibili per il trapianto devono essere reclutati in questo studio, secondo il protocollo di studio approvato dalla Food and Drug Administration. Altri tre centri statunitensi stanno attualmente selezionando i pazienti per lo studio.

Ogni anno vengono eseguiti circa 5.500 trapianti di cuore, mentre il fabbisogno annuo è stato stimato in 100.000 solo negli Stati Uniti e in Europa. Ma i trapianti soffrono purtroppo di una cronica carenza di organi.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie