L'allarme dell'ONU: "La pandemia ha bruciato 255 milioni di posti di lavoro"

- di: Brian Green
 
L'ONU ha pubblicato un report che analizza l'impatto della pandemia da Covid-19 sul mondo dell'economia e su quello del lavoro. E i risultati sono (prevedibilmente) molto negativi, con l'emergenza sanitaria che ha mandato in fumo una quantità esorbitante di posti di lavoro, ben 255 milioni a tempo pieno secondo il rapporto, rallentando la corsa dell'economia mondiale verso i 17 obiettivi di sostenibilità posti dall'Organizzazione.

La povertà ormai dilaga, con un numero che va dai 119 ai 124 milioni di persone che rientrano nei canoni. In più le diverse interruzioni dei servizi sanitari hanno fermato i progressi nel campo di salute infantile e materna, un vero è proprio "stop a decenni di progressi nello sviluppo, con la povertà estrema salita per la prima volta negli ultimi 23 anni", ha detto Liu Zhenmin, sottosegretario generale ONU.

L'emergenza sanitaria ha fortemente amplificato le diseguaglianze già esistenti, distanza che si vede nella rincorsa alla ripresa economica, già iniziata in paesi come Stati Uniti e Cina ma ancora lontana per altri, il cui ritorno a livelli pre-Covid è previsto non prima del 2023.
Le differenze pesano anche sull'enorme gap nelle somministrazioni vaccinali in tutto il mondo (68 vaccini per 100 persone fra Europa e Nord America, contro nemmeno 2 su 100 nell'Africa sub-sahariana) che peserà nel ritorno alla normalità.

Dati neri anche per la dispersione scolastica (con conseguente crescita del lavoro minorile), per il turismo (che ha subito danni incalcolabili per le misure anti-contagio) e per il processo di parità di genere (con casi sempre più frequenti di violenza contro donne e ragazze).

Capitolo clima: nel Report dell'ONU arriva anche la triste conferma che la crisi economica del 2020 ha portato a disperdere gli sforzi per fermare la crisi climatica che invece non rallenta. Sono sempre più alti i dati registrati per le concentrazioni dei gas serra e per la temperatura media globale (di 1,2 gradi centigradi superiore rispetto ai livelli preindustriali).

Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli