ManpowerGroup: prospettive occupazionali in crescita nel Q1 2023, ma cala il clima di fiducia rispetto all’anno scorso

- di: Barbara Leone
 
Le prospettive occupazionali per il primo trimestre dell’anno appena cominciato indicano che i datori di lavoro italiani prevedono assunzioni in crescita, con una previsione del +10%, al netto degli aggiustamenti stagionali. E’ quanto emerge dall’ultima indagine “ManpowerGroup Employment Outlook Survey”.

ManpowerGroup: prospettive occupazionali in crescita nel Q1 2023

“I datori di lavoro italiani mostrano una forte resilienza di fronte alla difficile congiuntura economica internazionale, continuando a credere nel futuro e ad investire in nuove assunzioni, ancorché in misura minore rispetto all’ultimo trimestre del 2022 - sottolinea Anna Gionfriddo, Amministratrice Delegata di ManpowerGroup Italia -. Rimane elevata la richiesta di figure tecnologiche e specializzate. In particolare, il momento peculiare dei mercati energetici richiederà un’importante iniezione di talenti nelle aziende italiane del comparto, anche sotto la spinta dei fondi del Pnrr ad esso dedicati, facendone il settore trainante del trimestre appena iniziato”.

Utilizzato a livello internazionale come indicatore principale dell'andamento dell'economia e del mercato del lavoro, il Net Employment Outlook (calcolato sottraendo la percentuale di datori di lavoro che prevedono riduzioni dei livelli di organico da quelli che intendono assumere) si attesta ora a +23% a livello globale, in calo (-6%) rispetto al quarto trimestre 2022, e (-14%) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Le aziende del settore IT riportano le prospettive più ottimistiche (+35%), seguite da quelle del settore finanziario e immobiliare (+28%) e da quelle del settore energetico e dei servizi di pubblica utilità (+26%). Le prospettive di assunzione migliori per il prossimo trimestre si registrano in Nord America (+31%) e in America meridionale e centrale (+28%), con le maggiori aspettative a Panama (+39%), Costa Rica (+35%) e Canada (34%). Le grandi organizzazioni (oltre 250 persone) sono più ottimiste rispetto alle micro imprese (meno di 10 persone) per quanto riguarda le assunzioni nel prossimo trimestre, con una previsione rispettivamente del 29% e del 13%.

I datori di lavoro italiani, per il primo trimestre dell’anno, prevedono assunzioni in crescita, registrando un NEO – Net Employment Outlook del +10%, al netto degli aggiustamenti stagionali. Pur positive, le previsioni mostrano un calo del clima di fiducia sia rispetto al trimestre ottobre-dicembre 2022, dove erano pari a +13%, sia a confronto del primo trimestre dell’anno appena trascorso, in cui le prospettive d’assunzione avevano raggiunto il valore record del +29%, in seguito al rimbalzo post-pandemico. In Italia, i più ottimisti sono i datori di lavoro del comparto energetico (+25%), dell’information technology (+20%) e dell’industria (+15%). Le grandi aziende sopra i 250 lavoratori sono le più ottimiste sulle assunzioni (+12%), mentre le micro imprese sotto i 10 lavoratori prevedono un trimestre di stabilità (+2%). Nel primo trimestre dell’anno, i datori di lavoro di tutte le quattro macro aree italiane prevedono di aumentare i propri organici. In particolare le aziende del Nord Ovest si dimostrano addirittura più ottimiste ora che nel precedente periodo analizzato: prospettive d’assunzione a +12%, mentre erano +9% per l’ultimo trimestre del 2022. Più cauti invece i datori di lavoro del resto del Paese: previsioni a +9% per il Nord Est e a +8% per il Sud e le Isole e una prospettiva di sostanziale stabilità per il Centro con +3%.

Nell'ultima edizione dell'indagine ManpowerGroup sulle prospettive occupazionali, condotta su quasi 39.000 datori di lavoro, 12 Paesi intervistati su 41 mostrano più ottimismo rispetto al trimestre precedente. I datori di lavoro a livello globale continuano a cercare nuovi talenti, registrando una previsione netta di occupazione del +23%.Le intenzioni di assunzione diminuiscono sia su base annua che su base trimestrale, rispettivamente del -6% e del -14%. I datori di lavoro di 38 Paesi su 41 si aspettano un mercato delle assunzioni in crescita nel 1° trimestre 2023. Con prospettive stabili in tutte i Paesi, i datori di lavoro del Nord America (+31%) hanno riportato le migliori previsioni occupazionali, seguiti da quelli del Sud e Centro America (+28%), Asia Pacifico (+25%) ed EMEA (+18%). I ruoli digitali continuano a guidare la domanda di talenti a livello globale: le aziende del settore IT riportano le prospettive più ottimistiche (+35%), seguite da settore finanziario & Real Estate (+28%) ed Energy & Utilities (+26%). Le aziende con meno di 10 lavoratori sono più pessimiste rispetto alle grandi aziende per quanto riguarda le assunzioni da gennaio a marzo 2023. Si prospetta una possibile recessione. I datori di lavoro dell'area EMEA riportano più cautela nelle loro previsioni di assunzione (+18%), che si indeboliscono del -3% rispetto all'anno precedente e del -14% rispetto allo scorso trimestre. Le prospettive variano da una regione all'altra, con i datori di lavoro più propensi ad assumere in Austria (+29%), Turchia (+29%) e Israele (+28%), e più cauti in Ungheria (-8%), Polonia (-2%) e Repubblica Ceca (+1%). La Francia (+27%), il Regno Unito (+19%) e la Germania (+17%) sono tra i Paesi che continuano a registrare prospettive occupazionali ottimistiche nel Q1 2023. Il 38% dei datori di lavoro del settore dei beni e servizi di consumo prevede di aumentare il proprio organico nel primo trimestre 2023, mentre il 19% prevede varie diminuzioni. Una volta destagionalizzate, le prospettive occupazionali nette (NEO) sono pari al 19%, con un rafforzamento di 14 punti percentuali rispetto all'anno precedente e un indebolimento di 8 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Nonostante il forte ottimismo nei confronti delle assunzioni, il settore si trova ad affrontare una carenza di talenti: il 75%* dei datori di lavoro riferisce di avere difficoltà a reperire le competenze hard e soft necessarie. Il 44% dei datori di lavoro del settore dell'energia e dei servizi di pubblica utilità prevede di aumentare il proprio organico nel primo trimestre 2023, mentre il 18% prevede una diminuzione.

Una volta destagionalizzato, questo dato indica una prospettiva occupazionale netta (NEO) del 26%. Il 44% dei datori di lavoro del settore finanziario e immobiliare prevede di aumentare il proprio organico nel primo trimestre 2023, mentre il 16% prevede una diminuzione. Una volta destagionalizzato, questo dato indica una prospettiva occupazionale netta (NEO) del 28%, con un indebolimento di 9 punti percentuali rispetto all'anno precedente e di 15 punti percentuali rispetto allo scorso trimestre. Nonostante il forte ottimismo nei confronti delle assunzioni, il settore si trova ad affrontare una carenza di talenti: il 75%* dei datori di lavoro riferisce di avere difficoltà a reperire le competenze hard e soft necessarie. Il 37% dei datori di lavoro del settore dei servizi di comunicazione prevede di aumentare il proprio organico nel primo trimestre 2023, mentre il 18% prevede una diminuzione. Una volta destagionalizzate, le prospettive occupazionali nette (NEO) sono pari al 19%, con un rafforzamento di 22 punti percentuali rispetto all'anno precedente e un leggero indebolimento di 12 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Il 39% dei datori di lavoro del settore industriale a livello globale prevede di aumentare il proprio organico nel primo trimestre 2023, mentre il 18% prevede una diminuzione. Una volta destagionalizzato, questo dato indica una prospettiva occupazionale netta (NEO) del 22%, con un indebolimento di 15 punti percentuali rispetto all'anno precedente e di 9 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Nonostante il forte ottimismo nei confronti delle assunzioni, il settore si trova ad affrontare una carenza di talenti: il 76%* dei datori di lavoro riferisce di avere difficoltà a reperire le competenze hard e soft necessarie. Il 41% dei datori di lavoro dell'industria dei trasporti, della logistica e dell'automotive prevede di aumentare il proprio organico nel primo trimestre 2023, mentre il 20% prevede varie diminuzioni. Una volta destagionalizzate, le prospettive occupazionali nette (NEO) sono pari al 21%, con un indebolimento di 13 punti percentuali rispetto all'anno precedente e di 4 punti percentuali rispetto allo scorso trimestre.
Il 50% dei datori di lavoro del settore IT prevede di aumentare il proprio organico nel primo trimestre, mentre il 15% prevede una diminuzione. Una volta destagionalizzate, le prospettive occupazionali nette (NEO) si attestano al 35%, con un indebolimento di 16 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e di 9 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Nonostante il forte ottimismo nei confronti delle assunzioni, il settore si trova ad affrontare una carenza di talenti: il 76%* dei datori di lavoro riferisce di avere difficoltà a reperire le competenze hard e soft necessarie.

In conclusione i trend che guidano la trasformazione non sono nuovi, ma nuovamente urgenti. Oggi la domanda di talenti ha raggiunto livelli record in molti mercati, ma i livelli di disoccupazione rimangono alti. La crescita economica continua ad essere disomogenea, con alcuni mercati che si stanno riprendendo mentre altri risentono dell'impennata dell'inflazione e del costo della vita. Una su cinque organizzazioni di tutto il mondo hanno difficoltà a trovare talenti tecnologici qualificati; cinque milioni di posti di lavoro potrebbero essere tagliati a causa di un cambiamento nella divisione del lavoro tra uomini e macchine, più che compensati da 97 milioni di nuovi ruoli che si prevede emergano e l’81% dei lavoratori si aspettano programmi di formazione da parte dei loro datori di lavoro per mantenere le competenze aggiornate.

Ricordiamo che l'indagine “Previsione ManpowerGroup sull’Occupazione” è il sondaggio sull'occupazione più completo e lungimirante del suo genere, utilizzato a livello globale come indicatore economico fondamentale. La previsione netta sull'occupazione viene calcolata sottraendo dalla percentuale di datori di lavoro che prevedono un aumento delle assunzioni totali la percentuale di coloro i quali, invece, prospettano un calo delle assunzioni. L'indagine, lanciata nel 1962, deve il suo successo a diversi fattori. L’unicità: è ineguagliabile in termini di dimensioni, portata, longevità ed aree di intervento. Proiezione: l’indagine Previsioni ManpowerGroup sull’occupazione è il sondaggio più esauriente e lungimirante sull’occupazione a livello mondiale che chiede ai datori di lavoro di fare delle previsioni di assunzione per il trimestre successivo. Altri sondaggi e studi si concentrano su dati retroattivi per riferire accadimenti del passato. L’indipendenza: l’indagine è stilata su un campione rappresentativo di datori di lavoro di tutti i Paesi e territori in cui viene condotta. Gli intervistati non provengono dalla base clienti di Manpower. La solidità: si basa su interviste realizzate a quasi 40.600 datori di lavoro dei settori pubblico e privato in 41 Paesi e territori, ed è concepita per misurare le tendenze previste in materia di assunzioni ogni trimestre. Questo campione consente di effettuare un’analisi in specifici settori e regioni per fornire informazioni più dettagliate. Il focus: per più di cinque decenni il sondaggio ha ricavato tutte le sue informazioni da una sola domanda: "Come prevede che cambierà l'occupazione totale nella sua sede nei tre mesi fino alla fine di dicembre 2022 rispetto al trimestre attuale?".

Ed infine la metodologia del sondaggio utilizzata per raccogliere i dati è stata digitalizzata in 41 mercati per il rapporto del 1° trimestre 2023. Le risposte precedenti al 1° trimestre 2022 sono state contattate telefonicamente e ora sono raccolte in un panel online a doppio opt-in in cui i membri sono incentivati a completare il sondaggio. Le domande poste e il profilo dei rispondenti rimangono invariati. Le dimensioni dell'organizzazione e il settore sono standardizzati in tutti i Paesi e territori per consentire confronti internazionali.
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli