Immobiliare: a picco le azioni di Evergrande, sempre più in crisi per debiti

- di: Redazione
 
Le azioni del promotore immobiliare cinese Evergrande sono nuovamente crollate nelle contrattazioni di oggi, mentre la sua crisi si è ulteriormente aggravata.
La sua unità continentale Hengda Real Estate è in default su 4 miliardi di yuan (circa 547 milioni di dollari) di debito, mentre alcuni media riferiscono che sono stati arrestati diversi dirigenti (attuali ed ex) dello sviluppatore immobiliare. Tra gli arrestati, secondo il Caixin, ci sono l'ex amministratore delegato Xia Haijun e l'ex capo della finanza Pan Darong.
Il calo del prezzo delle sue azioni di oggi ha fatto seguito a quello più netto di ieri. Il titolo è sceso di oltre il 25% questa settimana.

Immobiliare: a picco le azioni di Evergrande, sempre più in crisi per debiti

Domenica, in una dichiarazione alla Borsa di Hong Kong , Evergrande ha affermato di non essere in grado di vendere nuovi debiti come parte del suo piano di ristrutturazione perché Hengda era indagato dalle autorità.
All'inizio di questo mese, i membri dello staff dell'unità di gestione patrimoniale di Evergrande sono stati arrestati dalla polizia a Shenzhen, nel sud della Cina.
In un post sui social media la polizia ha invitato il pubblico a segnalare eventuali casi di sospetta frode.

Nella settimana precedente, le autorità avevano annunciato che il ramo assicurativo di Evergrande sarebbe stato rilevato da un assicuratore statale di nuova creazione.
Evergrande, peraltro, deve anche affrontare un'udienza in tribunale a Hong Kong su un'istanza di liquidazione che potrebbe potenzialmente costringerla a chiudere i battenti. L'udienza, originariamente prevista per luglio, si terrà ora il 30 ottobre.

Con oltre 300 miliardi di dollari di debiti, Evergrande è stata al centro della crisi del debito immobiliare cinese. Diversi importanti sviluppatori sono andati in default nell’ultimo anno.
La maggior parte del debito di Evergrande è dovuto a cittadini cinesi, molti dei quali sono cittadini comuni le cui case non sono state finite.
La maggiore preoccupazione consiste nei 31 miliardi di dollari dovuti ai creditori al di fuori della Cina che hanno acquistato obbligazioni da Evergrande.
Andata in default due anni fa a causa dei suoi debiti, Evergrande da allora ha lavorato a un nuovo piano di rimborso.
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli