Il Giappone è sempre più anziano: si riduce numero bambini e ragazzi

- di: Brian Green
 
La popolazione giapponese di bambini e ragazzi sotto i 15 anni si è ridotta, rispetto al 2020, di 190.000, toccando il numero di circa 14,93 milioni al 1 aprile. Si tratta, secondo le rilevazioni demografiche del Ministero degli Affari Interni, del quarantesimo anno consecutivo di declino. I bambini in questa fascia di età rappresentano l'11,9% dell'intera popolazione, il livello più basso al mondo, secondo il ministero.

Le persone di età pari o superiore a 65 anni rappresentano il 28,9% della popolazione, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto all'anno precedente. Sebbene il governo abbia promesso da tempo di combattere il cambiamento demografico, i numeri mostrano che il calo del tasso di natalità del Giappone e l'ingrigimento della società sono progrediti ulteriormente. Il ministero ha reso noto il risultato delle rilevazioni demografiche in occasione della Giornata dei bambini, una festa nazionale in Giappone che si celebra il 5 maggio. Tra i minori di 15 anni, 7,65 milioni sono maschi e 7,28 milioni sono femmine.

Il Giappone ha 3,24 milioni di bambini tra i 12 ei 14 anni e 2,65 milioni di età pari o inferiore a 2 anni. Più giovane è l'età, minore è il rapporto tra la popolazione complessiva. Nel 1950, i bambini sotto i 15 anni rappresentavano il 35,4% della popolazione a causa del primo baby boom. Ma il rapporto ha poi iniziato a diminuire. Nel 1997, le persone di età pari o superiore a 65 anni costituivano il 15,7% della popolazione, superando il 15,3% per i minori di 15 anni. Il ministero ha confrontato il rapporto tra i bambini del Giappone e quelli di altri Paesi con una popolazione di 40 milioni o più.

La percentuale del Giappone è stata la più bassa, anche se il ministero ha affermato che è difficile fare un confronto rigoroso perché i tempi delle indagini sulla popolazione dei Paesi erano diversi. Il rapporto della Corea del Sud è stato il secondo più basso, al 12,2% dal 1 ° luglio 2020, seguito dall'Italia, al 13,3% dal 1 ° luglio 2018 e dalla Germania, al 13,6% dal 1 ° gennaio 2019.
Il Magazine
Italia Informa - N°2 Marzo-Aprile 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie