L'FBI perquisisce una delle case di Donald Trump: "Un attacco alla mia candidatura"

- di: Daniele Minuti
 
È lo stesso Donald Trump a dare la notizia: l'FBI ha perquisito la villa dell'ex Presidente degli Stati Uniti situata a Mar-a-Lago, in Florida. Il tycoon ha rilasciato un comunicato alla CNN in cui denunciava l'operazione dell'Agenzia, non ancora confermata ufficialmente, definendola "un attacco alla sua candidatura".

L'FBI perquisisce la casa in Florida di Donald Trump

Trump non si trovava nella villa al momento dell'operazione, ma alla Trump Tower di New York e quindi si hanno ancora pochi dettagli ma la stessa CNN ha riportato alcune indiscrezioni: la perquisizione riguardava 15 scatoloni contenenti documenti riservati che l'ex Presidente avrebbe portato via dalla Casa Bianca dopo la fine del suo mandato a Washington.

Il tutto però senza escludere la possibilità che si tratti di un atto che rientra nell'indagine legata all'assalto a Capitol Hill del gennaio 2021, con i riflettori sempre più puntati sull'ex POTUS e sulle azioni che avrebbero alimentato il comportamento della folla.

Intanto però Trump non usa mezze misure nel definire l'attacco: "È strumentalizzazione della giustizia e un attacco dei democratici di sinistra radicali che vogliono disperatamente evitare che mi candidi alle elezioni del 2024. Si tratta di un periodo buio per la nostra nazione: la mia casa è sotto assedio, perquisita e occupata da un folto gruppo di agenti dell'Fbi. Hanno persino fatto irruzione nella mia cassaforte! Dopo aver lavorato e collaborato con tutte le principali agenzie governative, questa operazione non era né necessaria né appropriata".
Il Magazine
Italia Informa n° 4 - Luglio/Agosto 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli