Borse: le incertezze sulle scelte della Fed trascinano in basso Wall Street e borse asiatiche

- di: Redazione
 
I mercati borsistici asiatici sono andati in terreno negativo, sulla scia di Wall Street che ha risentito dei timori che la Federal Reserve possa mantenere la sua politica di aumento dei tassi di interesse per frenare l'inflazione, rischiando però una forte recessione. L'indice Nikkei 225 di Tokyo è sceso dello 0,6% a 27.727,53 e il Kospi di Seul ha ceduto lo 0,2% a 2.388,95.

Borse: calano Wall Street e borse asiatiche

Lo Shanghai Composite ha perso lo 0,4% a 3.199,69, mentre lo S &P/ASX 200 australiano è sceso dello 0,6% a 7.245,20. Solo l'Hang Seng di Hong Kong ha guadagnato lo 0,2% a 19.469,46. Le azioni sono scese dello 0,2% a Mumbai, ma sono aumentate dello 0,1% a Bangkok.
Ieri, l'S & P 500 è sceso dell'1,4%, la sua quarta perdita consecutiva, a 3.941,26 e il Nasdaq, pesantemente tecnologico, è sceso del 2%, a 11.014,89. Il Dow Jones Industrial Average ha perso l'1% a 33.596,34, mentre il Russell 2000 è scivolato dell'1,5% a 1.812,58.

I titoli tecnologici, le società di comunicazione e i rivenditori hanno subito alcune delle maggiori perdite. Apple è scesa del 2,5%, Disney è scesa del 3,8% e AutoZone è scesa del 2,8%. Anche i titoli delle piccole società sono diminuiti, facendo scendere l'indice Russell 2000 dell'1,5%.

L'utility NRG Energy è crollata del 15,1% dopo aver annunciato che sta spendendo $2,8 miliardi in contanti e assumendo $ 2,4 miliardi di debiti per acquistare Vivint Smart Home. La Fed si riunirà la prossima settimana e dovrebbe aumentare i tassi di interesse di mezzo punto percentuale. Ha alzato il suo tasso di riferimento sei volte da marzo, portandolo a un intervallo compreso tra il 3,75% e il 4%, il più alto in 15 anni. Wall Street prevede che il tasso di riferimento raggiungerà un picco compreso tra il 5% e il 5,25% entro la metà del 2023.

In altri scambi di mercoledì, il greggio di riferimento statunitense ha guadagnato 1 centesimo a 74,26 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Il petrolio greggio Brent, lo standard internazionale per i prezzi, ha guadagnato 15 centesimi a 79,50 dollari al barile.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli